Attualità Ragusa 17/03/2017 14:39 Notizia letta: 71 volte

Eternity, un'opera denuncia

Un monologo
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-03-2017/eternity-opera-denuncia-500.jpg

Ragusa - Lui è il barone Louis de Cartier de Marchienne. Lo conosciamo bene  De Marchiene è solo uno dei molteplici nomi che è possibile attribuire al  medesimo volto: quello dei  predatori  sazi, quello degli “eletti da Dio”, quello dei padroni della vita e della morte. È  il volto trionfante e beffardo della scimmia che sotto un monolite nero spacca crani e femori  con la clava  di cui ha appena iniziato a padroneggiare  il terribile potere.

Lei è la morte, l’angelo della morte.  Tutti la conosceremo.  È il nome che attribuiamo a voce bassa  ai volti molteplici che talora osiamo immaginare. È donna ed è animale affamato, è mostro ibrido ed alato,  è umanità inconsapevole e primordiale, è l’ irrazionalità  dell’onniscienza divina, è la lavagna vuota  sulla quale ognuno di noi sa che dovrà scrivere, con un pezzo di gesso troppo corto, la parola finale di una sentenza che la vita, come la macchina orrenda immaginata da Kafka nel racconto “Nella colonia penale”,  ci incide sulla viva carne ogni giorno della nostra esistenza. 

Loro sono Filippo Luna e  Silvia Scuderi, unici interpreti  dell’opera teatrale Eternity. Un progetto di Turi Occhipinti e Tano Scollo. Testi e regia di Claudia Puglisi.
Eternity è un “monologo”, ma in scena sono in due. Il loro è un “dialogo” che travalica i limiti della parola, i vincoli del testo, gli stilemi, i rituali e le astuzie della recitazione, e conquista diversi e molteplici nuovi  territori semantici.
Il corpo è al centro di tutto! La sete e la fame, la vecchiaia e la malattia, il dolore e la paura, l’orrore e  la violenza,  la sfida e l’orgoglio, l’ebbrezza del piacere  ed  il vizio.

Un’interpretazione  muscolare, carnale e sanguigna,  potente e coinvolgente.
Eternity è un’“opera di denuncia”, ma lo spettatore se ne accorge o se ne ricorda soltanto alla fine, quando la voce di un giudice elenca, leggendo una sentenza,  i nomi di alcune delle innumerevoli  vittime dell’avidità dell’uomo. Sono i nomi degli operai dell’industria dell’Eternit. Sono le vittime di quella polvere maledetta che piove, ininterrottamente, durante i cinquanta minuti di spettacolo, dal tetto della casa di de Marchienne, sfondato dalla caduta della sua nemesi alata.
Lo spettacolo ha il contributo del Comune di Ragusa, della Banca Agricola Popolare di Ragusa, della e dell’Unione dei Comuni della “Valle degli Iblei”.

Redazione