Giudiziaria Ragusa 08/04/2017 17:43 Notizia letta: 411 volte

Camere penali, niente udienze dal 10 al 14 aprile

Uso distorto della decretazione d'urgenza sul processo a distanza
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-04-2017/camere-penali-niente-udienze-aprile-500.jpg

Ragusa - Il Governo Gentiloni fa un suo disinvolto e troppo frequente della decretazione d'urgenza, anche rispetto a materie delicate, come la riforma sul processo a distanza. 

La Camera Penale degli Iblei ha deliberato l'adesione all'astensione dalle udienze proclamata dalla Unione camere penali italiane dal 10 al 14 Aprile. Le camere Penali denunciano "l'uso dello strumento della fiducia ai fini della approvazione del DDL da parte del Governo sottraendo al Parlamento ogni possibile confronto su di una riforma che incide in profondità sul processo e sull’intero ordinamento penale, impedendo che sul disegno di legge si
sviluppasse la necessaria discussione sulle molteplici questioni tuttora controverse ed in particolare sulla riforma della prescrizione e sulla estensione dell’istituto del processo a distanza. La norma che estende la applicazione del processo a distanza ad un numero elevatissimo di procedimenti con detenuti, lungi dal costituire un risparmio di risorse, rappresenta invece, come più volte stigmatizzato, la più evidente ed aperta violazione dei principi costituzionali e convenzionali del contraddittorio e della immediatezza, nonché della presunzione di innocenza; che il termine di un anno previsto ora dal DDL per l’effettiva entrata in vigore della nuova normativa sul processo a distanza, evidentemente necessario al fine di realizzare gli straordinari adeguamenti tecnici e strutturali che ne consentano l’operatività, non giustifica affatto una modificazione del radicale giudizio negativo formulato nei confronti di tale riforma, e rende evidente come la norma risulti contraria ad ogni criterio di economicità e razionalità". 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg