Cultura Libro 27/04/2017 11:09 Notizia letta: 112 volte

Totò annurbò

Il giorno in cui perse la vista
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-04-2017/toto-annurbo-500.jpg

“Totò, l’ultimo sipario” (Nuova Ipsa Editore, 2013). E' il libro del giornalista palermitano Giuseppe Bagnati, che riproduce il programma di sala di “A prescindere”, diventato raro. La rivista di Nelli e Mangini del 1957 segnò il ritorno del Principe, dopo sette anni, sulla scena, in una trionfale tournèe che iniziò al Sistina di Roma e s’interruppe il fatidico 3 maggio al Politeama di Palermo, a causa di un’emorragia alla retina che provocò un definitivo ritiro dalle scene comunicato il giorno dopo dal colorito annuncio degli strilloni locali: “Totò annurbò!”.

Un momento drammatico nella vita del più grande attore comico italiano. L’attore era in ribalta intento alla parodia di “Guerra e pace”, sbandò, si rifugiò dietro le quinte dall’amata Franca Faldini farfugliando “Non ci vedo, è buio pesto”, prima di completare frettolosamente la replica mentre il pubblico osannante non si accorge di niente. 

Franca Gandolfi, moglie di Domenico Modugno, soubrette dello spettacolo, racconta quei giorni palermitani: «Non ci accorgemmo del dramma fino a quando ci è stato comunicato che la compagnia era sciolta per i problemi alla vista di Totò. Ognuno di noi trovò il biglietto per tornare a casa, pagato dal Principe».

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1510938881-3-toys.jpg