Cronaca Ragusa 02/05/2017 09:51 Notizia letta: 11353 volte

Ragusa: investe rivale in amore, arrestato Marco Chillemi

L'accusa è di tentato omicidio.
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-05-2017/ragusa-investe-rivale-amore-arrestato-marco-chillemi-500.jpg

Ragusa - Ha visto la sua ex fidanzata di 17 anni, davanti la casa di lei, assieme a un uomo di 31, che ritiene sia il suo "rivale" in amore, fa il giro dell’isolato e lo investe con la propria auto, trascinandolo per diversi metri prima di fuggire. La polizia ha sottoposto a fermo Marco Chillemi, ragusano, 22 anni, accusato di tentato omicidio. Il fatto è avvenuto in via Respighi, a Ragusa. La polizia ha trovato a terra riverso in una pozza di sangue e privo di sensi un giovane di 31 anni, anche lui ragusano.

In lacrime sul marciapiedi vi era una giovanissima ragazza di 17 anni che si avvicinava ai poliziotti per riferire che poco prima il suo ex fidanzato aveva investito il ragazzo perché geloso, tentando di ucciderlo. La ragazza ha anche aggiunto che dopo averlo trascinato per qualche metro, è sceso dall'auto e l'ha colpito con una chiave inglese. La violenza inaudita è stata interrotta dalle urla dei testimoni e per l’intervento di alcuni passanti. Il ragazzo, nel frattempo, è fuggito. 
L’autore del reato era in compagnia di una coppia di fidanzati che non hanno, invece, fatto nulla.
L'uomo è stato trasportato con la massima urgenza al pronto soccorso dell’ospedale dove è stato sottoposto ad un delicato intervento alla gamba.

Chillemi aveva incontrato la sua ex fidanzata di 17 anni al bar, dove si trovava in compagnia di altri amici per decidere dove pranzare per la festa del primo maggio. In compagnia di una coppia di fidanzati suoi amici si è allontanato per cercare un ristorante aperto. Lungo la strada, ha visto ragazzina in compagnia di un ragazzo: prima l'ha insultata, dicendole che si sarebbero visti più tardi per parlare di questo fatto.
Poi, è entrato in controsenso nella strada e ha investito volontariamente il giovane rivale che si trovava a bordo della sua moto. Con la chiave inglese lo ha colpito ripetutamente alla testa ed in diverse parti del corpo. Per fortuna la vittima indossava ancora il casco pertanto i colpi sono stati attutiti.

Chillemi ha trovato ospitalità da un amico mentre i due fidanzati andavano con gli altri amici a festeggiare il primo maggio, senza curarsi delle sorti del giovane ferito gravemente e senza ovviamente informare la Polizia.
Alla fine, Chillemi si è costituito da solo ed è andato in polizia accompagnato dalla mamma.

In ufficio, ha raccontato una versione completamente diversa. Rintracciati i due amici,  l'uomo in un primo momento ha tentato di depistare le indagini fornendo una versione dei fatti a favore del loro amico, la ragazza invece ha subito riferito esattamente quanto accaduto. Anche il ragazzo dopo un po’, si rendeva conto della gravità dei fatti e per evitare di essere indagato per favoreggiamento personale ha riferito quanto accaduto con dovizia di particolari.
Resta ferma la loro responsabilità in ordine all’omissione di soccorso. L'arma del delitto, era stata nascosta sotto al sedile dell'auto.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1510938881-3-toys.jpg