Economia Ragusa 06/05/2017 20:59 Notizia letta: 212 volte

Sviluppo rurale in area iblea, le riflessioni

PSR 2014/2020
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-05-2017/sviluppo-rurale-area-iblea-riflessioni-500.jpg

Ragusa - Lo sviluppo rurale dell’area Iblea, questo il titolo del convegno tenutosi il 5 maggio presso l'auditorium della Camera di Commercio di Ragusa. Il convegno è stato voluto ed organizzato dall’ispettorato provinciale dell’agricoltura di Ragusa sotto l’attenta e scrupolosa regia del dr. Giorgio Carpenzano, dirigente del servizio 12. Tema centrale è stata l’opportunità per le imprese agricole, agroalimentari e zootecniche della provincia di Ragusa dei finanziamenti riguardanti le varie misure del PSR 2014/2020.

Dopo i saluti di rito e l’introduzione dei lavori da parte del dirigente del servizio 12 dell’ispettorato provinciale dell’agricoltura di Ragusa dr. Giorgio Carpenzano, si è passati agli interventi tecnici. Preciso, puntuale e seguito l’intervento del dr. Lorenzo Cunsolo che ha illustrato i principi ispiratori della programmazione del PSR 2014/2020. Competitività, innovazione tecnologica e gestione sostenibile ed equilibrata dei territori rurali: questi i principi cardini alla base del PSR 2014/2020 della Regione Sicilia. A seguire, l’intervento del dr. Salvatore Walter Davino, professore di patologia vegetale presso l’Università di Palermo, sulle difesa integrata e le nuove tecnologie a servizio delle imprese agricole.

In particolare, un passaggio del dr. Salvatore Walter Davino è stato molto apprezzato dai presenti: l’attenzione che gli stati europei devono porre nelle importazioni di prodotti ortofrutticoli, in special modo quelli provenienti dall’area del nord Africa, in quanto potenziali portatori di patologie vegetali. Passaggio ripreso in parte nell’intervento dell’on. Giuseppe Di Giacomo, il quale ha sottolineato “l’importanza della buona e sana alimentazione nella vita quotidiana. E la terra Iblea è sicuramente un’area di produzione orticole di qualità, sane, buone; non solo, l’area Iblea è anche terra ricca di cultura, storia e tradizioni. Per tutte queste ragioni, la provincia Iblea si candida ad un ruolo da protagonista nelle diverse misure del PSR 2014/2020. Vorrei ricordare – sottolinea l’on. Di Giacomo – che lo sviluppo rurale dell’area Iblea passa anche attraverso l’implementazione di un’area cargo dell’aeroporto di Comiso”

Prettamente tecnici e funzionali gli interventi della dr.ssa Dorotea Di Trapani, dirigente generale del dipartimento dello sviluppo rurale e territoriale; e del dr. Gaetano Cimò, dirigente generale del dipartimento dell’agricoltura, nonchè autorità di gestione del PSR 2014/2020. A concludere, l’intervento, molto atteso da parte degli imprenditori agricoli e degli operatori del settore, dell’on. Antonello Cracolici, assessore regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea.

E l’assessore Cracolici non ha deluso la platea. “E’ ora di finirla con la liturgia della crisi. La Sicilia che va raccontata è quella della Sicilia che fa mercato, produce ricchezza, crea occupazione e soprattutto sperimenta innovazione tecnologica. Pur con tutte le sue difficoltà, la Sicilia oggi ha due settori trainanti: il turismo e l’enogastronomia. Abbiamo la fortuna di possedere un immenso giacimento di prodotti agroalimentari tradizionali, il cosiddetto oro agricolo; e, a volte, non essere in grado di trasformarlo e veicolarlo sui mercati internazionali. Il settore agricolo primario e l’agroalimentare siciliano hanno un tasso di crescita a due cifre. E non lo dico io, bensì lo afferma uno studio statistico della Banca d’Italia. Pertanto, le risorse del PSR 2014/2020 vanno a chi riesce a fare impresa agricola di qualità, innovazione tecnologica e, soprattutto, reddito.”

Come dargli torto, solo in questo modo il PSR 2014/2020 può costituire vera opportunità per lo sviluppo rurale dell’area Iblea e di tutta l’isola.

Redazione