Lettere in redazione Modica 13/05/2017 13:02 Notizia letta: 2019 volte

Fuochi per la festa di San Giorgio, le ragioni della ditta

Riceviamo e volentieri pubblichiamo
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-05-2017/fuochi-festa-giorgio-ragioni-ditta-500.jpg

Modica - Il sottoscritto Lorenzo Massari, titolare della ditta pirotecnica iblea , comunica che domenica 23 aprile U.S., in occasione dei festeggiamenti di San Giorgio a Modica, l'accensione dei fuochi pirotecnici e dei tubi lancia carte , durante l'uscita del simulacro dal Duomo, è avvenuta nella massima sicurezza, rispettando le misure e le precauzioni prescritte nella licenza di sparo rilasciata dal commissariato di P.S. di Modica lo scorso 13 aprile, di cui un cordone di sicurezza preventivamente disposto dall'autorità di polizia, formato da alcuni poliziotti, membri della protezione civile e da un buon numero di portatori di San Giorgio. All'avvenuto svolgimento della suddetta accensione uno sparuto focolaio, causato dal vento e da qualche residuo di strisce di carta accessosi durante il lancio, prontamente spento dalla squadra anti incendio della protezione civile coadiuvata per l'occasione dal gruppo di vittoria con la presenza di un'auto botte di l 2000, ha suscitato normale preoccupazione subito e tempestivamente assopita dal pronto intervento. Tale preoccupazione, però, ha suscitato scalpore e sviluppato la fantasia di alcuni giornalisti presenti difronte l'accaduto, a tel punto da divulgare la notizia con un articolo, diffuso via web, in cui si descriveva di "una tragedia sfiorata". Tale articolo, espansosi a macchia d'olio, grazie alla divulgazione via social, non solo ha suscitato scalpore ma anche ha destato scalpore e diffidenza negli organi di controllo e polizia, mettendo in cattiva luce gli organizzatori della manifestazione e il sottoscritto fuochista, realmente ignari di tutto ciò, in quanto presenti e testimoni oculari dei fatti.

Chiedo pertanto alla S.V. di smentire pubblicamente ciò che è stato divulgato erroneamente , scusandosi per i fatti descritti irrealmente rispetto alla verità, mettendo in evidenza le prescrizioni e la sicurezza con cui ci si adopera per organizzare manifestazioni del genere e svolgerne la realizzazione, sia da addetti ai lavori che da organizzatori in toto. Distinti saluti

Lettera firmata