Appuntamenti Catania 16/05/2017 22:29 Notizia letta: 164 volte

Catania, estate al Teatro antico, con Carmen Consoli

L'8, il 9 e il 10 giugno
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-05-2017/catania-estate-teatro-antico-carmen-consoli-500.jpg

Catania - Il teatro greco romano di Catania è il palcoscenico di un ciclo di appuntamenti estivi al via l’8 giugno. Un cartellone di musica e prosa, “Notti d’estate al Teatro antico di Catania”. 

La cavea ospita 1.200 posti. Un cartellone con tante anime, che offre una scena e un circuito agli spettacoli presentati dagli enti teatrali pubblici, si rivolge ai tanti turisti con musiche da film e la tradizione dell’Orchestra a plettro Città di Taormina, con la lirica e i concerti classici, ma ancora senza un filo conduttore che dia il senso del festival. Si apre con l’anima catanese più autentica, con tre concerti di Carmen Consoli accompagnata dai solisti del Bellini. L'8, il 9 e il 10 giugno. Il programma dell’ente lirico catanese prosegue con un concerto sinfonico dedicato alle musiche da film, America Movies Tribute e Rapsodia satanica di Pietro Mascagni, accompagnato dalla proiezione del film di Nino Oxilla del 1917, e con l’allestimento di Tosca.

Gabriele Lavia sarà in scena con la celebre interpretazione de Il sogno di un uomo ridicolo, il racconto di Dostoevskij, accolta con grandissimo successo. Monica Guerritore proporrà il suo Dall’inferno all’Inferno, da lei scritto e diretto, mentre Michele Placido sarà il protagonista di una serata d’onore, con poesie e monologhi di grandi autori.

Un’incursione nella musica jazz con il Brass Group e poi spazio alla risata con la commedia antica: Tuccio Musumeci sarà protagonista di Dyskolos di Menandro con Tuccio Musumeci, coproduzione Teatro Stabile di Catania e Teatro della Città; Casina di Plauto vedrà in scena Giuseppe Pambieri e Micol Pambieri, regia di Giuseppe Argirò, produzione del Teatro della Citta, quindi il dramma satiresco di Euripide Il Ciclope , produzione del Teatro dei due Mari, traduzione e adattamento di Filippo Amoroso, con Edoardo Siravo, regia di Angelo Campolo, musiche originali di Marco Betta.

Redazione