Economia Scicli

Il Financial Times: Quant'è ghiotto il Val di Noto

Un viaggio attraverso la cucina
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-06-2017/1496506291-1-financial-times-quant-ghiotto-noto.jpg&size=333x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-06-2017/financial-times-quant-ghiotto-noto-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-06-2017/1496506291-1-financial-times-quant-ghiotto-noto.jpg

Scicli - Che sia benedetto il Val di Noto. Per le architetture e per il cibo. A dirlo è il Financial Times di stamani, in un pezzo a firma di Laura Rysman. L'articolo parte dalla rinascita enologica della Sicilia per fare lo storytelling della rinascita di questo pezzo di Sicilia. I Testimonial sono Arianna Occhipinti, Ciccio Sultano e la sua cucina gastro-rurale, la Locanda Don Serafino e lo chef Vincenzo Candiano, che propone un gusto nostalgico: nel piatto, spaghetti ai ricci di mare, ricotta e calamari.

Da Ibla a Modica, il passo è breve. L'inviata cena alla Locanda del Colonnello, dove ai fornelli è Francesco Mineo. Polpo con patate e origano, gnocchi ripieni di ricotta, limone e cucuzza. Lontano da lì una scaccia di cipolla e pomodoro e una birra Minchia, "troppo volgare per tradurlo qui", scrive la giornalista. 

Passaggio alla Latteria, a Modica bassa, e passaggio obbligato da Bonajuto, per la cioccolata di Modica.

A Scicli le case sono color giallo rosa, e qui si conclude il viaggio, che offre anche la foto di apertura del servizio, con uno scatto della cava di Santa Maria La Nova. 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif