Attualità Pozzallo e Chiaramonte 12/06/2017 12:41 Notizia letta: 498 volte

La riscossa dei 70enni, e delle Pagine Gialle

Sintonizzazione
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-06-2017/riscossa-70enni-pagine-gialle-500.jpg

Ragusa - In psicologia lo chiamano tuning, o attunement. Ma anche nel circuito delle radio frequenze il significato sempre quello è: sintonizzazione. Pure in politica, a dire il vero, si parla di lunghezze d’onda da cavalcare per restare agganciati gli uni con gli altri, in un processo di tenera sintonizzazione tra elettori ed eletti. Senza voler invadere campi altrui, per i risultati che vengono fuori dalle amministrative, la psicologia dell’elettore siciliano sarebbe da studiare come materia fondamentale in tutte le accademie e per tutte le arti del sapere e pure dell’ignoto.

Salvo casi di assistita sporadicità, i siciliani vogliono essere governati da vecchi. Il punto è proprio questo. Ma anche no. Leoluca Orlando, eletto sindaco di Palermo a settant’anni suonati. Iano Gurrieri, sindaco a Chiaramonte, settant’anni pur’esso. Barone, primo a Santa Croce Camerina, settant’anni o giù di lì. A Pozzallo, Roberto Ammatuna, sessantenne che tende ai settanta.
È la riscossa della terza età? Potrebbe essere. Ma il fatto è ancora un altro.

Molti credono a tutto oggi che la politica nel duemiladiciasette si faccia solo sui social. Che Facebook e Instagram possano veramente decidere le sorti di un candidato o di un Governo. Non è così. Il massacro dei cinque stelle, quelli che hanno eletto la rete, il web, a loro prima casa da sempre, dimostra esattamente il contrario. I grillini battuti dappertutto, anzi, spariti, dissolti, svaporati. Come se non fossero mai esistiti.

La rivoluzione è già finita? Non è manco iniziata, a dirla tutta.
La verità è che la politica, in Italia, si fa ancora grazie alle pagine gialle. Serve un idraulico? Mi affido all’elenco, stampato in giallo, appunto, delle imprese che operano nel mio territorio, per trovare ciò che cerco. Occorre un falegname o la casa al mare dev’essere ritinteggiata? Chiedo alle pagine gialle e ho solo l’imbarazzo della scelta, tanto è grande, precisa e perfetta per le mie necessità l’offerta di professionisti, per quel dato mestiere, che si presenta in elenco.
Così in politica.

Il cittadino guarda in faccia i candidati e poi, con naturalezza, si chiede: ma che mestiere fa? Se nel curriculum del candidato Sindaco, in questo caso, spunta anche la voce “politico di professione”, è fatta. La gente sceglie i politici. Il popolo vuole essere governato da politici professionisti. Non è necessario lasciarsi andare in esami snervanti del dopo voto, la chiave di lettura per la vittoria di Orlando, Guerrieri, Ammatuna eccetera è proprio questa: ha vinto il politico, il candidato che di mestiere ha fatto, fa e sa fare politica. E per la gente, tutto ciò, è rassicurante. Ecco, per l'appunto, la sintonizzazione.

Redazione