Cultura Libro 16/06/2017 21:59 Notizia letta: 1557 volte

Minchia di mare. Non si può parlare della Sicilia in italiano

Arturo Belluardo racconta la Sicilia tra vecchio e nuovo
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2017/minchia-mare-parlare-sicilia-italiano-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2017/1497643206-1-minchia-mare.png&size=329x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2017/minchia-mare-parlare-sicilia-italiano-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2017/1497643206-1-minchia-mare.png

Davide vive nella borgata di una piccola città siciliana, una provincia avvolta nei suoi miseri rituali: la processione dell'Addolorata, la gara di sosia di Raffaella Carrà, le sanguisughe per i salassi, la perdita della verginità con le prostitute del lungomare Una provincia in cui l'attualità degli anni Settanta filtra attraverso la televisione e i giornali ma rimanendo in sottofondo, mai protagonista, Davide è un bambino prigioniero: di un'infanzia che sembra non finire mai, della vita degradata della periferia, di un padre violento che lo considera senza spina dorsale, un buono a nulla una "minchia di mare".

In Minchia di mare Arturo Belluardo (siracusano, bancario, ex studente Luiss Guido Carli) racconta la Sicilia tra vecchio e nuovo. Belluardo, siracusano quarantenne, ricorre al dialetto come a un rafforzativo che aiuta a definire un ambiente, che serve per raccontare e raccontarsi, per dare carattere e necessità a un’esperienza di vita per niente originale.

Davide è una sorta di Pel di carota di una società dove i mezzi d’informazione hanno grande peso e con un padre maschilista e manesco: un vecchio e un nuovo poco simpatici. Non è stato facile crescere in quel mondo e in quegli anni e oggi è ancora più difficile, tra adulti comunemente alienati. I Davide sono milioni, e il sonno degli anni ottanta e novanta ha gravato i loro fratelli minori di pesi anche maggiori e di maggiore imbecillità.

"Ho cercato di utilizzare contemporaneamente il piano drammatico e quello comico: si ride molto, ma si ride amaro e, dove c'è da piangere, emerge sempre uno sberleffo -dice Arturo- . Un pò come nella cucina siciliana, caratterizzata dall'agrodolce. Sebbene io abbia lasciato Siracusa a diciannove anni, il mio linguaggio, il linguaggio della memoria, è fortemente permeato dalle mie origini: per questo ho fatto ricorso agli intarsi in dialetto, in modo che il romanzo avesse una sua verità fino in fondo. Non si può parlare della Sicilia in italiano".
 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif