Appuntamenti Vittoria 17/06/2017 12:36 Notizia letta: 162 volte

Vittoria Jazz Fest, stasera il pianista Antonio Faraò

Inizio ore 22
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-06-2017/vittoria-jazz-fest-stasera-pianista-antonio-fara-500.jpg

Vittoria - L’animazione ieri della Sicily Dixieland Street Parade ha annunciato l’arrivo del Festival nel centro storico di Vittoria dove oggi è in programma (inizio ore 22, piazza Enriquez) il concerto del pianista romano Antonio Faraò con la presentazione del suo nuovo album “Boundaries’. Nicola Giammarinaro col suo immancabile clarinetto ieri sera insieme alla sua banda ha trasformato Vittoria in una New Orleans degli anni 20. E’ stato un viaggio caldo e caloroso tra le musiche della Belle Epoque di New Orleans con le sue architetture ben definite da un’arte creativa che suscita emozioni in tanti musicisti, sino alla musica manouche, melodica e ritmicamente cadenzata, zingara e di strada che si avvicina allo swing degli anni ’30.

Le sontuose armonizzazioni e la vivace forza improvvisativa sono i punti di forza dell’ultimo lavoro di Antonio Faraò. Il pianista romano si abbandona al piacere di suonare nel tentativo di sfuggire alla mera dimostrazione di virtuosismo, offrendone una rilettura personale, carica di espressività e feeling jazzistico. Il progetto si basa sulla perfetta intesa fra il pianoforte del leader e il resto del quartetto, completato dal noto sassofonista Mauro Negri, dal contrabbassista macedone Martin Gjakonovski e dal batterista Mauro Beggio, una scoperta di Enrico Rava. In due brani figura anche il giovane talento Luigi Di Nunzio al sassofono contralto. Ad essere protagonista nel concerto di stasera, uno degli eventi più attesi del programma del Vittoria Jazz Fest, è il perfetto interplay fra i musicisti, una comunione di intenti raggiunta grazie ad un affiatamento tale da garantire al leader e ai compagni una grande libertà creativa.

Se il concerto di stasera si presenta di grande attrazione e verve musicale, domani c’è grande attesa per la perfomance della Lydian Sound Orchestra diretta dal maestro Riccardo Brazzale. Una formazione attiva ormai da 27 anni e composta da 9 elementi. Fresca di consacrazione come miglior Gruppo Italiano dell’anno al Top Jazz 2016, la Lydian Sound Orchestra si richiama direttamente a George Russell (nel nome del gruppo) e Gil Evans (nella formazione strumentale che con quattro ottoni, due sassofoni e la ritmica piano-basso-batteria riproduce la tuba band che incise il capolavoro Birth of the Cool).

Di recente l’orchestra ha proposto un concerto al Teatro Studio dell’Auditorium di Roma in occasione della registrazione live del nuovo album intitolato We Resist!, omaggio allo storico album di Max Roach We Insist! Freedom Now Suite, di cui riprende il tema della libertà in tutte le sue forme. Un album che a grandi linee sarà riproposto nel concerto di domenica in Piazza Enriquez alle ore 22.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg