Attualità Scicli 20/06/2017 22:23 Notizia letta: 6869 volte

Levante, la sciclitana cui non frega niente

Scicli? Un pezzo di me
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-06-2017/levante-sciclitana-frega-niente-500.jpg

Scicli - Forse Claudia non lo sa che Max Gazzè, con cui ha scritto una canzone il cui video è in uscita il 21 giugno, domani, è originario di Scicli. Figlio di Enzo Benito Gazzè, nipote di don Memmo Gazzè e delle signora Giovanna Di Natale. 

E forse non è neppure importante. Certo è che Claudia e Massimiliano hanno deciso di scrivere un pezzo insieme, incrociando Scicli nella loro vita. Max per le origini, Claudia per scelta. 

L'ascesa di Claudia Lagona, in arte Levante, 30 anni, è iniziata nel 2013 quando col suo singolo d’esordio Alfonso diventato subito una hit e un manifesto generazionale, ha dominato in radio. Amata dal pubblico e della critica che l'ha consacrata come “la nuova stella nascente della musica italiana”, la giovane cantante di Palagonia (calatina di adozione) ha pubblicato poi il disco Nel Caos Di Stanze Stupefacenti

Il video del nuovo singolo di Levante Pezzo di me (feat. Max Gazzè) sarà trasmesso domani 21 giugno alle 20.35 in anteprima su Sky Uno. 

In attesa del suo debutto su Sky come giudice di X Factor, Claudia-Levante debutta domani in TV con il video girato a Roma nel quartiere Piccola Londra diretto da Stefano Poggioni. Un video  ironico, coloratissimo, nel suo stile irriverente, ed interpretato da Levante con Max Gazzè nei panni del suo fidanzato.
Il brano è il secondo singolo estratto dal suo ultimo album di inediti Nel caos di stanze stupefacenti (Carosello Records), uscito lo scorso 7 aprile e subito ai vertici della classifica FIMI TOP OF THE MUSIC GFK degli album più venduti.
La canzone, in duetto con Max Gazzé, è un travolgente uptempo estivo che gioca spregiudicatamente sull’ambiguità della pronuncia per sbeffeggiare il politicamente corretto. Il testo racconta del senso di smarrimento dopo un addio tra due innamorati (Un altro addio/cadere nell’oblio/cercarsi per un po’ /nel whisky di un bistrot) e di come il tempo lenisca ogni ferita e si possa reagire alla delusione attraverso l’ironia (Un giorno qualunque mi ricorderò/di dimenticarti dentro a un cestino/Tu sei un pezzo di me).

Claudia, neanche a dirlo, è nella sua amatissima Scicli, già in partenza per Torino. Ma, come ama ripetere in un suo tormentone, Non gliene frega niente. Ama stare qui. E basta. 
 

Redazione