Cronaca Ragusa 28/06/2017 11:46 Notizia letta: 6382 volte

Ragusa saluta Simone e Giorgio

Cattedrale di San Giovanni
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-06-2017/ragusa-saluta-simone-giorgio-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-06-2017/1498646398-1-ragusa-saluta-simone-giorgio.jpg&size=889x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-06-2017/1498646553-1-ragusa-saluta-simone-giorgio.jpg&size=889x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-06-2017/ragusa-saluta-simone-giorgio-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-06-2017/1498646398-1-ragusa-saluta-simone-giorgio.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-06-2017/1498646553-1-ragusa-saluta-simone-giorgio.jpg

Ragusa - Due vite spezzate, ma alla fine il loro percorso si è riunito. Questo è stato il destino di Giorgio Licitra
e Simone Gulino, i due giovani ragusani morti nello scorso weekend lungo la Ragusa-Catania, la S.S. 194, denominata da tutti "la strada della morte":

La messa è stata celebrata dal parroco dalla cattedrale e dal vicario Don Cannata, parroco di San Giuseppe artigiano.

Una cattedrale gremita, per dare l'ultimo "ciao" a questi due ragazzi. Gli amici di Simone hanno indossato una maglietta con la sua immagine, a testimonianza dell'affetto che nutrivano per lui. Simone sarà tumulato a Marina di Ragusa e Giorgio, invece, nel cimitero di Ragusa Ibla.

L'incidente, avvenuto nella notte fra sabato e domenica, non ha dato scampo neanche ad un altro ragazzo, il 43enne lentinese Mirko Mezzapesa, anche lui morto nel tragico impatto. I carabinieri, su delega del sostituto procuratore di Siracusa, Davide Lucignani, stanno effettuando tutte le indagini per cercare di capire la dinamica dell'incidente. Secondo le ricostruzioni di alcuni amici, i ragazzi di Ragusa avevano trascorso prima la serata a Marina. Poi, per finire in bellezza, avevano deciso di andare a prendere cappuccino e cornetto a Catania. Un diversivo che spesso viene utilizzato fra i giovani.

Purtroppo, quella che doveva essere una serata come tante, è finita in tragedia. Giorgio Licitra, 34 anni, figlio di un vigile del fuoco, era soprannominato "piccolo" tra i componenti degli Ultras del calcio Ragusa, lo storico gruppo "Manicomio". Il soprannome, gli derivava dal fatto che fosse il più giovane tra i fondatori del gruppo. Licitra, inoltre, lavorava come corriere della Sda ed era anche un pizzaiolo occasionale nel locale di Simone. Simone, anche lui giovanissimo (appena 27 anni), era un ragazzo dinamico e pieno di vita. Lavorava nell'azienda di famiglia, il ristorante e pizzeria "Ai quattro venti", in via Carmelo Pisana.

Si ringrazia Salvo Bracchitta per la foto.

Irene Savasta