Giudiziaria Santa Croce Camerina 02/07/2017 21:52 Notizia letta: 1431 volte

Veronica, nuova lettera dal carcere: Non l'ho ucciso io

Lettera a Quarto Grado
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-07-2017/veronica-lettera-carcere-ucciso-500.jpg

Santa Croce Camerina - "Sono colpevole, ma non ho ucciso Loris". Veronica Panarello torna a scrivere dal carcere, dove sconta la pena di 30 anni a cui è stata condannata con processo con rito abbreviato per aver ucciso il figlioletto di 8 anni il 29 novembre 2014.

"La mia vita si è fermata stravolgendosi completamente e ciò che sto vivendo non lo auguro a nessuno", scrive la donna in una lettera indirizata a Simone Toscano, giornalista di Quarto Grado. "Da madre sono passata a detenuta con l’accusa più orribile che possa esistere […] Ho anche le mie colpe e per queste voglio pagare, ma non ho ucciso io Lorys". Poi, rivolta al marito Davide Stival e parlando del secondogenito, dice: "Non usare nostro figlio per infliggermi più sofferenza di quanta già ne abbia. È da più di un anno che non so più com’è il suo viso perché non ricevo più sue foto o notizie. Io non smetterò mai di scrivergli perché un giorno saprà che non l’ho abbandonato e che l’ho sempre pensato. Pur di avere una foto, un disegno, qualsiasi cosa del mio bimbo sarei disposta a fare di tutto".

Per Veronica, che ha confessato l'omicidio per poi ritrattare e accusare il suocero Andrea di aver materialmente ucciso il bimbo, il processo d'appello si aprirà a Catania il prossimo 6 luglio.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg