Attualità Noto 11/07/2017 08:49 Notizia letta: 139 volte

Le serenate sotto i balconi cantate da Mario Incudine

Al folk baroc di Noto
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-07-2017/serenate-balconi-cantate-mario-incudine-500.jpg

Noto - Più che canzoni d’amore erano vere e proprie poesie: capolavori antichi in cui la parola cantata si faceva espressione di un sentimento ancora puro, ingenuo, fresco e carico di speranze. Gli innamorati le cantavano alle loro amate che sognanti le ascoltavano affacciate dal balcone di casa, quasi sempre in compagnia di altre donne, non si sa mai le malelingue, o talvolta di nascosto da tutti, a trattener il fiato da dietro le finestre. Che emozioni che si respiravano, l’aria sapeva di attesa, semplicità, autenticità: tradizioni e usanze a volte soffocanti nella loro rigidità, ma sempre tanto vere.

Alle serenate siciliane settecentesche sarà dedicato un intenso momento dal gusto nostalgico che un grande maestro delle storie siciliane di una volta, dei “cunti” dei cantastorie, come è Mario Incudine, regalerà con lo spettacolo “Vinni a cantari all’ariu scuvertu” per la giornata inaugurale della IV^ edizione del festival “Folk Barock”, ideato e diretto da Carlo Muratori, altro grande interprete e cultore della tradizione popolare.
Mercoledì 12 luglio, alle ore 21.30, al Convitto delle Arti a Noto un suggestivo concerto che sarà un tuffo nel passato che torna, tema caratterizzante questa edizione del festival, e che nella sua parte conclusiva si trasformerà in una esibizione on the road con il famoso cantautore che passeggerà lungo il Corso Vittorio Emanuele, cantando le serenate alle fanciulle affacciate ai balconi, come accadeva un tempo.

Un’esibizione che esalterà la purezza delle antiche canzoni anche grazie all’assenza di amplificazione, rivelando l’intensità emotiva ed espressiva del noto interprete siciliano e soprattutto liberando da ogni orpello questi poemi d’amore. Ad accompagnare Incudine in questa passeggiata lo stesso Caro Muratori che si trasformerà anche lui in cantore di sentimento.

Il festival proseguirà giovedì, 13 luglio, alle ore 21.30, con la reunion dello storico gruppo de “I Cilliri” sul sagrato di San Salvatore, mentre venerdì 14 luglio, alle ore 19.00, al Convitto delle Arti, un altro intenso momento dedicato ad alcuni eventi drammatici della Sicilia antica con la presentazione dell’ultimo lavoro di Carlo Muratori, il cd/book “Dies Irae, la Cantata di li rujni” (ed Le Fate). Quella che emergerà sarà l’immagine di una terra colpita, ma non sconfitta, che è riuscita a mostrare la grande fortezza d’animo che la contraddistingue.

Rivivranno così gli eventi più catastrofici della Sicilia di una volta, come il terremoto del 1693, l’eruzione dell’Etna del 1689, e il modo in cui la gente riuscì a reagire, ad esempio con i riti propiziatori, espiatori e purificatori offerti ai Santi e a Maria, o gli stessi racconti che facevano i cantastorie del tempo, quasi cerimoniali per esorcizzare la paura e dare voce ai sentimenti collettivi del dolore, della rabbia, della tristezza, ma anche della voglia di andare avanti. Alla serata parteciperanno anche Sergio Bonanzinga, docente di Etno-Musicologia dell'Università di Palermo, e lo storico Luigi Lombardo, autore del libro “Catastrofi e storie di popolo” che accompagna il cd “Dies Irae”, che converseranno con Muratori di terremoti ed eruzioni nella cultura popolare. Il festival si chiuderà sabato 15 luglio, alle ore 21.30, con il grande ritorno ddei “Kunsertu” sulla scalinata della Cattedrale di Noto. Anche in questo caso uno spettacolo da non perdere.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif