Cronaca Caltagirone 13/07/2017 17:23 Notizia letta: 10665 volte

Morire a 25 anni per un attacco d'asma e perchè c'è solo un'ambulanza

Vittima una giovane di Mineo, tardiva e vana corsa in ospedale
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-07-2017/morire-anni-attacco-dasma-perch-solo-unambulanza-500.jpg

Caltagirone - Muore a 25 anni per una banale insufficienza respiratoria. Questo l’epilogo di una tragedia che ha gettato nello sconforto, oltre che l’intera comunità di Mineo, anche il personale sanitario del pronto soccorso dell’ospedale “Gravina” di Caltagirone. Noemi Venuti, che avrebbe compiuto 26 anni il 23 dicembre, è spirata durante il tragitto in ospedale. I medici del pronto soccorso hanno invano tentato di rianimarla con ogni mezzo per strapparla alla morte. Per oltre un’ora, al reparto di Rianimazione, le sono state praticate le cure del caso. Tutto invano. Le cause del decesso sono ancora da accertare, anche se le ipotesi più accreditate rimangono quelle dell’insufficienza respiratoria, dovuta a una severa crisi asmatica. Dovranno essere accertate le cause della morte, ma appare assurdo che, nel 2017, si possa perdere la vita per un attacco d’asma.

Noemi si trovava a Caltagirone in un’abitazione del centro storico, dalla quale è giunta la richiesta di soccorso al personale del 118. L’unica ambulanza disponibile era già impegnata in altro intervento, motivo per cui la centrale operativa ha allertato l’ambulanza medicalizzata che doveva giungere da Grammichele. Sarebbero trascorsi almeno 10-15 minuti prima che arrivasse a destinazione. A quel punto non c’era altro tempo da perdere: il quadro clinico di Noemi peggiorava sempre più e così la ragazza veniva portata in ospedale. Una corsa giusta, ma purtroppo inutile.

Indirettamente, si ripropone l’esigenza di dotare l’ospedale “Gravina” di un’ambulanza o di una macchina medicalizzata; vale a dire con medico soccorritore a bordo. Al momento è disponibile a Grammichele e giustamente risponde ai fabbisogni di quel paese e non solo, perché nei casi di emergenza deve “sconfinare” anche nei vicini centri di San Cono, Mirabella Imbaccari e San Michele di Ganzaria.

Il sindaco di Mineo, Anna Aloisi ha proclamato il lutto cittadino, poiché Noemi era fortemente impegnata nel sociale. Si prodigava ad animare Grest estivi e a collaborare in eventi culturali legati in particolare alle tradizioni del Natale. Il fratello della ragazza, Renzo Valenti, parroco a Palagonia, è un prete molto stimato a Ramacca e nei vari ambienti della Diocesi. Anche lui, a causa del dolore della morte della sorella, è stato colto da un lieve malore. 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif