Appuntamenti Ispica 16/07/2017 18:20 Notizia letta: 465 volte

Torna lo Spacca Doc Fest

Il 27 luglio
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-07-2017/spacca-fest-500.jpg

Ispica - Procedono a pieno ritmo i lavori per l’organizzazione della rassegna ispicese a cura dell’Associazione di Promozione Sociale Zymè-Fermenti Culturali.
Già delineato e pubblicato il calendario degli appuntamenti, che preannuncia una rassegna di spessore e prefigura la partecipazione di pellicole e protagonisti di fama internazionale.
Come già anticipato, il tema centrale sarà il viaggio, declinato sia come viaggio corale e a più voci, che come viaggio personale ed introspettivo, per un percorso che parte da o verso la nostra terra, ora per indugiarvi, ora per approdare verso altre mete: all’estero per mettere in salvo delle vite umane, dentro luoghi istituzionali come il Quirinale per portare messaggi di giustizia, al cospetto di un evento intimamente irrisolto per sciogliere dei nodi interiori, fin dentro il cuore di un luogo dell’anima per ritrovarsi. Vicino Oriente-Italia-Svezia; Sicilia-Roma; New York- Sicilia; Italia-Auschwitz. Queste “le tratte”.

L’evento cinematografico, che si terrà presso i locali dell’Ex-Macello, ai piedi dello splendido Parco Archeologico della Forza di Ispica, sarà eccezionalmente inaugurato da una prima nazionale assoluta, importante novità di quest’anno nel quale la rassegna avrà l’onore di ospitare, il 27 luglio, il debutto ufficiale di “Corrispondenze”, alla presenza del pubblico dello Spacca doc_fest 2017 e della stampa regionale e nazionale. Il documentario è un viaggio tra gli aspetti umani e intimi della Sicilia, compiuto attraverso un dialogo emotivo sull’isola tra un poeta, Antonino Montante, e un carcerato, Diego Pappalardo, con la partecipazione speciale di personaggi noti come Franco Battiato, Mimmo Cuticchio e Aida Satta Flores.
Seguiranno altri titoli importanti, accompagnati da nomi di fama internazionale: il 3 agosto sarà proiettato “Io sto con la sposa”, storia di scottante attualità che documenta il viaggio clandestino di alcuni siriani e palestinesi in fuga dalla guerra, compiuto, seppur illegalmente, grazie alla complicità ed umanità di un giornalista italiano, Gabriele Del Grande, il cui nome è balzato all’attenzione delle cronache di tutto il mondo per le vicende che lo hanno coinvolto lo scorso aprile.
Il 10 agosto sarà la volta di “La lunga strada gialla” che, in sella a due muli, ci condurrà per la via che va da Portella della Ginestra al Quirinale, con lo scopo di consegnare un messaggio di ecologia e giustizia sociale. Si proseguirà il 17 agosto con Magic Island, il viaggio inaspettato e improvviso che Andrea Schiavelli, figlio del famoso attore italoamericano Vincent Schiavelli, si ritrova a compiere nella terra natia del padre, la Sicilia, fronteggiando un passato non troppo lontano che lo obbliga a fare i conti con la sua dolorosa scomparsa.

In chiusura, il 24 agosto, sarà la volta di “Memorie-In viaggio verso Auschwitz”, un documentario intimo e diretto, un viaggio introspettivo che racconta della comunanza tra un luogo storico e l’interiorità del protagonista, di un percorso di vita segnato dalla tossicodipendenza, e degli strascichi che quel trascorso ha lasciato nel legame tra due fratelli.
Come si può evincere, a gran sorpresa, il ciclo di serate saranno cinque e non sei.
“Sacrificare una delle serate del festival è stata la decisione più difficile, quanto necessaria, che il nostro team potesse fare al fine di gestire al meglio i fondi a disposizione, garantendo quella che rimane sempre e comunque la priorità: la qualità della manifestazione”. Così afferma il Presidente Annalisa Figura che esprime il suo rammarico per le particolari difficoltà riscontrate nel reperimento dei finanziamenti necessari alla realizzazione della stessa, resa comunque possibile grazie alla generosità di quei privati che hanno condiviso e apprezzato gli intenti del progetto, guardando oltre le contingenze della crisi economica e a favore di un rinnovamento culturale del territorio.

Redazione