Appuntamenti Marzamemi 26/07/2017 19:04 Notizia letta: 114 volte

Storie di donne al Cinema di Frontiera

Ieri Sufat chol e oggi Fèlicitè
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-07-2017/storie-donne-cinema-frontiera-500.jpg

Marzamemi, Pachino – Due storie di donne, di amori contrastati e di ostacoli da superare. Il film in concorso Sufat chol (tempesta di sabbia) di Elite Zexer (Israele, 2016, 95’) in anteprima italiana, ieri sera, ha aperto le proiezioni in piazza Regina Margherita, seguito dalla pellicola fuori concorso Tanna di Martin Butler e Bentley Dean, (Australia, 2016, 104’) in anteprima siciliana. Stasera, invece, alle 21,30 verrà proiettato Fèlicitè.

Sul palco, prima delle proiezioni, è stata presentata la sezione ConCorto 2017, il concorso di cortometraggi della XVII edizione del Festival internazionale del cinema di frontiera. Una selezione, quella di ConCorto, firmata dalla Filmoteca Laboratorio 451 e curata dal giornalista Andrea Di Falco, in collaborazione con Elisa Ragusa, Chiara Pitti e Francesco Savarino. «Sui 152 cortometraggi giunti al festival – ha spiegato Andrea Di Falco sul palco della sala cinematografica en plein air più grande e più a Sud d’Europa - sono 20 i film brevi ammessi al concorso. Sono 19, invece, i film presenti nella sezione fuori concorso, che comprende cortometraggi e documentari. Per complessivi 39 film che superano le 14 ore di proiezione. I corti, oltre che dall’Italia, arrivano da altri 9 Paesi: Finlandia, Bulgaria, Francia, Gran Bretagna, Afghanistan, Svezia, Malta, Spagna e Ungheria. Con un’anteprima assoluta, 4 prime nazionali e 7 anteprime siciliane, il festival mostra una serie di cortometraggi di respiro autenticamente internazionale, che rappresentano i Nord e i Sud del mondo».
Per la sezione Frontiera del libro, ieri, nella sala della Tonnara, è stato protagonista Claudio Pirandello, il nipote del premio Nobel per la letteratura, Luigi Pirandello, celebrato nel 150° anniversario della sua nascita. All’incontro sono intervenuti Carmela Pace, presidente della sezione siracusana del Centro studi pirandelliani, la giornalista Laura Valvo e, ancora, Sarah Zappulla Muscarà ed Enzo Zappulla, curatori del libro “I Pirandello. La famiglia e l’epoca per immagini”.
A rendere se possibile ancora più interessante l’incontro, la lettura del carteggio tra Luigi e Stefano Pirandello, affidata all’attore Leo Mignemi e tratta dal libro “Nel tempo della lontananza” (1919-1936)” a cura di Sarah Zappulla Muscarà. «Con tutto il materiale che, ad oggi, c’è su Luigi Pirandello – ha detto il nipote Claudio – sarebbe il caso di cominciare a cercare interpretazioni diverse, non accontentandosi, al contrario, di ciò che dicono per esempio i professori a scuola. Luigi Pirandello era una corda vibrante dei suoi tempi, un artista che sapeva leggere il suo tempo e le sue contraddizioni». Ma, per rimanere in tema, Luigi Pirandello era anche un uomo di frontiera «per i rischi che ha corso con la sua opera – ancora il nipote Claudio – non dimentichiamo infatti che Hitler vietò una sua opera e Mussolini fece altrettanto. E lì la frontiera era il rischio di essere mandato al confine». Ha concluso la sezione Frontiera del libro l’aperitivo d’autore con Antonio Siracusano che ha presentato “Vinciperdi”,

Dalla letteratura di nuovo al cinema. Il concorso dei lungometraggi domani prosegue con la proiezione di Die göttliche ordnung (L'ordine divino) di Petra Biondina Volpe (Svizzera, 2016, 96’) in anteprima italiana. Premio del pubblico al Tribeca film festival 2016, il film racconta della battaglia per il diritto di voto femminile nella Svizzera dei primi anni Settanta. Nora, una giovane casalinga e madre di due figli, vive con suo marito in un idilliaco villaggio svizzero, quasi completamente escluso dal fervore dei cambiamenti socio-culturali del movimento del ’68. A partire da un banale scontro con il marito, Nora trae la forza per farsi protagonista di una battaglia che travalica la sua autorealizzazione personale per ergersi a portavoce di un diritto ancora negato a tutte le donne svizzere. Un film intenso, forte, che analizza da un lato l’emancipazione come battaglia per i diritti di partecipazione femminile, dall’altro la lotta per abbattere un patriarcato così radicato da sembrare inscritto nell’ordine primordiale delle cose. Seguirà la proiezione del film fuori concorso, 40 anni dopo, Mimì metallurgico ferito nell'onore di Lina Wertmuller (Italia 1977).
Per la sezione ConCorto, domani, sono invece previste le proiezioni dei film in concorso Moby Dick di Nicola Sorcinelli (Italia 2017, 14' – anteprima siciliana) in cui due viaggi paralleli, quello di Bianca e quello di una giovane donna clandestina, si sovrappongono. Entrambe sono alla ricerca di una salvezza che sembra impossibile; La barba di Alfredo Mazzara (Italia 2017, 14' – anteprima siciliana) ovvero e se un odiato parente in punto di morte ti proponesse la più ricca delle eredità?; Vasa vasa di Alessia Scarso (Italia 2017, 12'), che racconta di Modica, in Sicilia, dove la Pasqua viene celebrata sotto il segno della Madonna, che ha vissuto inerme la Passione del Figlio. Un rosario di sguardi, lacrime, preghiere. Il buio di una chiesa, dove il rito, inaccessibile, della vestizione della Madonna ha il senso definitivo del lutto; e Mary mother di Sadam Wahidi (Afghanistan 2016, 19’), ambientato in un lontano villaggio dell’Afghanistan: un giorno Mary sente alla radio la notizia della caduta della provincia di Kunduz nelle mani dei talebani. Dal momento che le autorità non hanno notizie di suo figlio, militare nell'esercito di Kunduz, decide di iniziare il proprio viaggio per cercarlo.
Di seguito il programma di domani, giovedì 27 luglio 2017

Lungometraggi

21:30

Concorso

DIE GÖTTLICHE ORDNUNG (L'ordine divino) di Petra Biondina Volpe

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1510057997-3-confeserfidi.gif

Svizzera 2017, 96' – Anteprima Italiana (v.o. con sottotitoli in italiano)

23:00

40 Anni Dopo

MIMÌ METALLURGICO FERITO NELL'ONORE di Lina Wertmuller

Italia 1977, 108'

ConCorto

21:30

Fuori Concorso

MATTIA SA VOLARE di Alessandro Porzio

Italia 2016, 16'

TERRA SEM MALES di Enrico Masi

Italia 2016, 17'

Concorso

MOBY DICK di Nicola Sorcinelli

Italia 2017, 14' – Anteprima Siciliana

LA BARBA di Alfredo Mazzara

Italia 2017, 14' – Anteprima Siciliana

VASA VASA di Alessia Scarso

Italia 2017, 12'

MARY MOTHER di Sadam Wahidi

Afghanistan 2016, 19'

Fuori Concorso

MAI di Marta Gonzalez

Spagna 2017, 7'

OSZIUTCA di Lili Nagy

Ungheria 2017, 15'

Lampi Sul Mediterraneo

21:30

PRITJA. L’ATTESA di Roland Sejko

Italia/Albania 2015, 60'

Musica & Memoria

LASCIA STARE I SANTI di Gianfranco Pannone

Italia 2016, 75' – Anteprima Siciliana

SIAMO ITALIANI di Alexander J. Seiler

Svizzera 1964, 100'

Ritratto d'autore

16:30

EL COCHECITO di Marco Ferreri

Italia 1960, 86'

Concorso Cortometraggi

L’ALTRO FIGLIO di Dario Lanfranca

Italia/Francia 2016, 12'

NO SMOKING di Michelangelo Di Pierro

Italia 2017, 20'

EVENT HORIZON di Joséfa Celestin

Francia/Gran Bretagna 2016, 11'

SALIFORNIA di Andrea Beluto

Italia 2016, 17'

Chicchiere sotto il fico

19:00

Tavola rotonda: “Lavoro, Impresa e Formazione”

A cura di AIF Associazione Italiana Formatori, con CIVITA e Fondimpresa.

Intervengono: Antonello Calvaruso (Presidente Nazionale AIF), Amarildo Arzuffi (Direttore Area Formazione Fondimpresa), Laura Bongiovanni (Presidente ISNET), Concetta Bofino (Istituto Federico II di Svezia – SR), Nanda D’amore (Responsabile Civita srl). Coordina Umberto Iacono.

20:30

Albania: Cinema e Memoria – Storia e Repertori

Incontro con l’autore: Roland Sejko presenta “Pritja. L’attesa”

Introdotto da Armand Shkullaku di Klan Tv, Albania.

Frontiera del libro

18:30

«La Letteratura di Silvana Grasso è necessaria, soprattutto in questo periodo buio culturalmente,

nel quale mancano punti di riferimento importanti, lei con la sua scrittura riesce a dare argini alle parole»

Cesare De Michelis

Silvana Grasso presenta “SOLO SE C’È LA LUNA”, Marsilio Editori.

19:00

Aperitivo d’Autore:

Fabio Granata presenta “PATRIA. IDEE OLTRE IL 900”, Eclettica Edizioni.

Interviene: Fulvia Toscano (Direttrice Artistica di “Naxoslegge”).

Didascalie foto:

Pirandello: da sinistra Leo Mignemi, Claudio Pirandello, Laura Valvo, Carmela Pace, Gisella Calì, Sarah Zappulla Muscarà, Enzo Zappulla e Antonio Siracusano

Piazza Regina Margherita: la sala principale in cui vengono proiettati i lungometraggi

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif