Appuntamenti Scicli 30/07/2017 15:02 Notizia letta: 163 volte

Chiedi alla luce, una mostra

Al Brancati
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/30-07-2017/chiedi-luce-mostra-500.jpg

Scicli - Si apre sabato 5 agosto alle ore 21.00 a Scicli presso il Movimento Culturale Vitaliano Brancati, in via Aleardi, la mostra di fotografia dal titolo “Chiedi alla luce” con fotografie di ritratti di Aldo Palazzolo e di Nadar. Aldo Palazzolo, uno dei più importanti fotografi contemporanei, e Nadar, uno dei più grandi fotografi del secondo Ottocento. Sedici ritratti di Aldo Palazzolo e dodici ritratti di Nadar. La mostra voluta dal Movimento culturale Vitaliano Brancati e sponsorizzata dalla Confeserfidi, da Private Banker San Paolo Invest, dalla Banca Agricola Popolare, col patrocinio del Comune di Scicli è presentata da Lucia Nifosì. La mostra resterà aperta dal 5 agosto al 10 settembre 2017.Di seguito riportiamo in sintesi le due biografie e l’elenco dei personaggi ritratti

ALDO PALAZZOLO
E’ fra i testimoni più importanti del nostro tempo avendo immortalato i più grandi protagonisti del mondo della cultura contemporanea. Personaggi illustri ma anche sconosciuti che racchiudono storie, segreti, interessanti sempre. Ritratti che inquietano profondamente e spesso, quasi sempre anzi, seducono.
Nel 1989 il critico Peter Weiermair lo segnala fra i ritrattisti più importanti al mondo allestendo l’esposizione e il catalogo per ‘Il ritratto nella Fotografia Contemporanea’ con artisti come AndyWarhol, Robert Mapplethorpe, Annie Leibovitz, Bruce Weber, Mary Ellen Mark, Cleg & Guttman, Lynn Davis, Thomas Ruff.
Ha esposto in manifestazioni di prestigio internazionale: da Arles, dov’è presente nel 1992 con una grande personale, alla Biennale di Venezia, ai festival di fotografia di Amsterdam, Liegi, Montpellier, Paris Photo etc.
Dal ‘90 in poi vira verso una ricerca personalissima che lega l’elaborazione della foto alla riflessione sulla luce e sull’alchimia che denomina ‘Liquid Light’.
Ha curato le scenografie degli spettacoli ‘Change de Peu’ a Ginevra e ‘Le vecchie e il mare’, dal testo del poeta greco Jannis Rytsos, a Catania e Genova.
Autore dei video-ritratti dedicati a Manlio Sgalambro, filosofo catanese ed Enzo Sellerio, fotografo e fondatore dell’omonima casa editrice palermitana.
Ha fondato la rivista di arte e cultura internazionale Charade

NADAR Paris 1820-1910
Con lui nacque e si affermò la fotografia nella Parigi dell’Ottocento, tra gli anni ’60 e ’80. Autore di numerose immagini che raffigurano personaggi emergenti della cultura francese di quell’epoca, scattò famosi primi piani a Baudelaire, Zola, Delacroix,
Hugo, Rossini, Verdi, Wagner… Nadar fu anche il primo nella storia a realizzare fotografie aeree. Nel 1858, infatti, salito su un aerostato, scattò foto dall’alto sui tetti di Parigi.
Per primo sperimentò l’uso della luce artificiale continua con la quale riprese, intorno al 1860, le prime fotografie delle catacombe parigine. Utilizzò tale tipo di illuminazione anche per alcuni ritratti i quali, per i forti contrasti di chiaroscuro
derivanti da questa tecnica, ispirarono, secondo alcuni, l’opera pittorica di Edouard Manet. Condivise i principi del movimento impressionista che proprio in quegli anni stavano maturando. A 77 anni decide di lasciare la propria attività parigina al figlio,
per trasferirsi nel Midi e iniziare una nuova vita professionale, a Marsiglia, dove si dedica in particolar modo a pubbliche dimostrazioni e all’insegnamento. Nel corso della esposizione universale del 1889, il figlio cura una grande retrospettiva. Nadar muore nel 1910, pochi giorni prima di compiere novant’anni.

ALDO PALAZZOLO
Ritratti di
Philip Glass
Enrico Rava
Jordi Savall
Sean Scully
Manlio Sgalambro
Rudolf Nureyev
Pavel Longuine
Willy Ronis 1999
Heinz Bennent
Simone Lega
Donatella Bordonaro
Sonia Gazzera
Aude Brenner
Simone Lega
Giuseppe Sinopoli

Patti Smith 2004 cm 150x110

NADAR

Gustave Doré
Thérèse Tournachon
Théophile Gautier
Honoré Daumier
Gioacchino Rossini
Eugène Delacroix
Charles Baudelaire
Jean-François Millet
Mikhail Bakunin
Hector Berlioz
Sarah Bernhardt
Filippo Palizzi

Redazione