Attualità Agrigento 04/08/2017 10:24 Notizia letta: 302 volte

Al Google Camp, anche i vini di Vittoria e un brindisi per Vito Catania

Per i Big dell'informatica
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/google-camp-anche-vini-vittoria-brindisi-vito-catania-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501835659-1-google-camp-anche-vini-vittoria-brindisi-vito-catania.jpg&size=889x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/google-camp-anche-vini-vittoria-brindisi-vito-catania-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501835659-1-google-camp-anche-vini-vittoria-brindisi-vito-catania.jpg

Agrigento - Al google camp che si è svolto pochi giorni fa ai piedi della Valle dei Templi, non c'erano solo i guru dell'informatica, i big del mondo dello spettacolo e piatti raffinati. Al Verdura Resort, alcuni riservatissimi vip hanno potuto degustare anche una selezioni di pregiatissimi vini dell'isola.

La degustazione ha previsto otto vini di quattro diverse aziende (due per azienda), situate in diverse aree della Sicilia: Graci dall’Etna, Cos dalla Sicilia sud orientale, Tasca D’Almerita dal centro dell’Isola e Barraco dall’estremo occidente, il territorio di Marsala. Tutta la Sicilia, insomma, in un bicchiere di vino. E c'era anche l'azienda COS di Vittoria, oltre alla Gulfi Wines di Chiaramonte in ricordo del patron Vito Catania, recentemente scomparso.

Per quanto riguarda i vini COS sono stati degustati un Pithos bianco, prodotto da uve Grecanico e un Docg Cerasuolo di Vittoria Classico 2010 – Cos prodotto da uve Nero d’Avola più un 40 % di Frappato, tutte coltivate sulle terre rosse di Vittoria.

Infine, i presenti hanno brindato alla memoria di Vito Catania con una jeroboam di Nerosanlorè 2011, il cru preferito da Vito fra i suoi Nero d’Avola. A lui, dunque, la stima e il rispetto per la passione e l'impegno profuso per il vino siciliano. Il NeroSanlorè è uno dei quattro Cru di Nero d'Avola coltivati ad alberello a Pachino in Val di Noto, culla del vitigno siciliano per antonomasia.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg