Economia Paestum 04/08/2017 15:14 Notizia letta: 198 volte

Paestum, il Cilento punta sul cibo lento

Il case history dell'Hotel Royal
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/paestum-cilento-punta-cibo-lento-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854241-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854318-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854690-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg&size=649x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854721-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854749-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg&size=667x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/paestum-cilento-punta-cibo-lento-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854241-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854318-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854690-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854721-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/04-08-2017/1501854749-1-paestum-salento-punta-cibo-lento.jpg

Paestum - C'è un nonno panificatore, un padre innovatore, un figlio visionario nella storia del nuovo marketing identitario di Paestum e del Cilento. 

L'intuizione è quella di legare i luoghi che sono "al di là del fiume Alento" all'idea di Cibo Lento, e della Spa del Cibo. 

Il forno dove queste idee vengono elaborate è l'Hotel Royal di Paestum Capaccio, gestito da Vito Buccella, 36 anni, studi di Economia a Napoli, figlio di Antonio, che una ventina d'anni fa passò dalla banchettistica all'accoglienza, e nipote dell'omonimo Vito; da fornaio e panificatore, nel 1936, aveva intuito che dal pane e dal companatico all'intrattenimento il passo era breve. 

Oggi l'Hotel Royal di Capaccio è un quattro stelle con venti camere, quaranta posti letto, dove il Centro Benessere non è fatto di vasche idromassaggio o di saune finlandesi, ma dal cibo, e dalla cucina. 

"I nostri ospiti hanno un tempo di permanenza breve -racconta Vito, che agli studi ha alternato il lavoro, anche a Londra e Berlino-. Soggiornano in albergo, una struttura di design che guarda all'esperienza delle ceramiche di Vietri, si cimentano in cucina, un grande open space, dove possono imparare la tecnica di cottura diversa di cibi tradizionale, per poi cenare, a fine giornata, dopo aver vissuto l'esperienza della preparazione del cibo. 

Ecco, noi non amiamo l'idea di rivisitazione dei piatti tradizionali, ma di diversa cottura di alimenti che rappresentano una eccellenza mondiale".

E come dargli torto in una terra che alla mozzarella di bufala alterna lo slow fish, pescato di qualità con legumi di antica coltura. 

C'è un'idea di volano economico che Vito, insieme a un gruppo di lavoro di altre cinque persone che lo affiancano, ha elaborato. 

"Noi paghiamo i produttori di eccellenze enogastronomiche locali per esporre nelle nostre iniziative Slow Food. Gli ospiti dell'albergo possono conoscere chi produce quell'alimento, parlargli, apprendere la sua storia familiare e di impresa. In alcune nostre iniziative abbiamo accolto tremila ospiti alla ricerca di una identità vera del cibo, salutare, territoriale, autentico. Abbiamo creato economia". 

In un mondo in cui il Sud, anzi, i Sud, hanno avuto il complesso di inferiorità rispetto all'americanizzazione della cultura, negli alimenti come nell'architettura, tanto per fare un esempio, dal Cilento parte un'idea di marketing territoriale interessante. Il mare, i templi, la Spa del Cibo, che è un Cibo Lento.

"Cosa ci manca? Ad alcuni la volontà. Non a me, però". 

Nelle foto, Vito Buccella, e poi la bufala, una tartara di tonno a forma di pomodoro, un pescespada a forma di Magnum, un babà. 

Giuseppe Savà
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg