Economia Tecnologia e mercato 07/08/2017 09:13 Notizia letta: 269 volte

La Sicilia dopo il Google Camp: le opportunità della digital economy

Il Digitale e le sue occasioni
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-08-2017/sicilia-dopo-google-camp-opportunit-digital-economy-500.jpg

La Valle dei Templi di Agrigento ha ospitato lo scorso 31 luglio il Google Camp 2017, l'evento esclusivo organizzato dal gigante informatico americano. Ogni anno Google organizza i suoi “Google camps”, una serie di meeting esclusivi dove personaggi dell’economia, dello spettacolo, premi Nobel e dirigenti di grandi multinazionali discutono di temi di attualità e di problemi relativi all’evoluzione del mondo e della società.
Tra gli ospiti di quest'anno: Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, Bill Gates, patron di Microsoft, il principe Henry di Inghilterra, il sultano del Brunei, i reali dell’Arabia Saudita, Madonna, Elton John, Lenny Kravitz e John Elkan.
L'ennesima iniziativa che dimostra l'attenzione della Regione Sicilia per le innovazioni legate alle tecnologie digitali e per la loro importanza nel creare opportunità di crescita del territorio e nuovi sbocchi occupazionali. Ma è stata soltanto l'ultima in ordine di tempo.
Nei giorni scorsi la Sicilia, terza regione italiana dopo Toscana ed Emilia Romagna, ha aderito a WiFi Italia, iniziativa che punta a facilitare l'accesso ai servizi online delle principali località turistiche e culturali. Il progetto, lanciato recentemente dal Mise, fornisce attraverso una App gratuita a turisti e cittadini una modalità di accesso alla rete valida in ogni occasione senza dover ripetere la registrazione o digitare la password per ogni accesso.
Partito il 13 luglio con alcuni progetti sperimentali a Roma, Milano, Firenze, Prato, Bari, Trento e nel Polesine, WiFi.Italia.it ha riscosso un forte interesse: più di 50mila persone hanno installato la App durante il periodo di test.

Altra iniziativa interessante quella di “Sicilia Digitale”. Nato con l'obiettivo di formare le professionalità necessarie alla transizione verso le innovazioni legate alla digitalizzazione, il progetto ha trovato l'ufficialità con la firma dell'accordo per intervenire su tre distinti livelli: la formazione dei giovani che hanno terminato gli studi, l'aggiornamento dei lavoratori che operano in settori affini e la riconversione di occupati provenienti da “altri settori” a rischio. Un'iniziativa importante per rispondere alla crescente richiesta di esperti multi-competenza nei vari settori legati alle tecnologie digitali. Tra i settori con più sbocchi professionali c'è quello dell'audiovisivo digitale.
Moltissime le iniziative di marketing e le aziende che hanno deciso di puntare proprio sul video per promuovere le proprie attività. Una delle più innovative viene dalla stessa Sicilia. Stiamo parlando di Indictus, prima web serie medievale che narra in 7 puntate le storie degli uomini e dei fatti che hanno reso la Regione così importante per lo sviluppo del Mediterraneo trasformandola in un melting pot culturale. Un progetto visionario nato dalla mente del giovane regista Francesco Dinolfo, capace di sfruttare le potenzialità delle tecnologie digitali per realizzare un prodotto di qualità eccellente. Non solo progetti singoli ma anche realtà economiche nazionali e internazionali hanno deciso di puntare sul video. Tra le ultime, in ordine di tempo, PokerStars Casino, operatore di gaming online che ha lanciato la propria offerta di giochi dal vivo. Giochi in cui l'interazione avviene attraverso la diretta streaming e in cui il gioco è filmato da diverse telecamere in contemporanea.
Aziende, mini-serie e non solo. La stessa Regione ha promosso un bando dedicato alla realizzazione di opere audiovisive espressamente concepite per il web nel formato delle web series. Lo scopo è quello di promuovere il patrimonio turistico, culturale e ambientale siciliano attraverso una fiction da diffondere sul web. Al fine di incentivare la partecipazione del numero più alto possibile di sceneggiatori, registi, videomaker e scrittori, il progetto è valido soltanto per chi non è ancora costituito in associazione culturale o in impresa di produzione. Un ulteriore incentivo per la creazione di nuove associazioni o imprese radicate nel territorio.
 
 

Redazione