Attualità Autotrapianto 13/09/2017 09:33 Notizia letta: 4433 volte

Calvizie, un robot trapianterà i vostri capelli

Capelli. Con degli aghi speciali si creano tanti slot, microscopici "buchini" pronti ad accogliere l'unità composta da cute e follicoli. Una tecnica innovativa
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-09-2017/calvizie-robot-trapianter-vostri-capelli-500.jpg

Milano -  L'autotrapianto dei capelli. Una tecnica collaudata che però oggi può contare su una procedura robotizzata. In pratica, il chirurgo esegue l'operazione di carotaggio (cioè l'estrazione  di "cilindretti" di cuoio capelluto contenenti da una a quattro unità follicolari) seduto alla console, mentre visualizza l'area ingrandita sul monitor. Non li preleva con le sue mani ma pilota a distanza, con un joystick, il "braccio" meccanico di un robot. A uno a uno, estrae i singoli cilindretti grandi da 0,7 a 0,9 millimetri e profondi 4 millimetri prelevandoli dalla nuca, che presenta una maggiore densità di capelli, per trapiantarli nelle aree glabre delle tempie, della fronte e del "verte", l'apice della testa.
Un lavoro fino a ieri noioso e ripetitivo, sia per il medico sia per il paziente, che durava da 3 a 5 ore  secondo la quantità di follicoli piliferi trapiantati: da un minimo di 2000 a un massimo di 5000.

Mauro Conti, tricologo e direttore scientifico dell'Hair Clinic di Milano: "Si garantiscono risultati standard, altamente riproducibili, e una qualità di impianto omogenea su tutta l'area trattata. Si riducono, infatti, fattori "fuori controllo" legati all'errore umano. Può, infatti, capitare che dopo ore di carotaggio, segnate da una gestualità estremamente ripetitiva, il medico non esegua piú l'estrazione a regola d'arte, portando a un involontario danneggiamento del follicolo pilifero che,
una volta trapiantato nella nuova sede, non riuscirà ad attecchire". La fase dell'impianto, invece, resta manuale. Con degli aghi speciali si creano tanti slot, microscopici "buchini" pronti ad accogliere l'unità composta da cute e follicoli. Quindi, con
uno strumento chiamato implanter si trasferisce nella nuova sede. "Per 15 giorni si formano delle microcrosticine dovute alla saldatura dei lembi cutanei", prosegue il dottor Conti. «E nell'arco di 2-3 mesi, in seguito a stress chirurgico, i capelli trapiantati cadono. 

Saranno rimpiazzati da quelli nuovi, che inizieranno a crescere dopo 5, 6 mesi". 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg