Cronaca Ragusa 19/09/2017 16:57 Notizia letta: 1968 volte

A pesca di polpi coi tubi di plastica

A “Randello” e “Passo Marinaro”
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-09-2017/pesca-polpi-tubi-plastica-500.jpg

Ragusa - Nella giornata di ieri l’equipaggio imbarcato sulla motovedetta CP 568 della Capitaneria di Porto di Pozzallo, unitamente ai militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Scoglitti, presenti a bordo del battello pneumatico G.C. 334, nel corso di un pattugliamento di polizia marittima effettuato lungo il litorale compreso tra le località di “Randello” e “Passo Marinaro” antistanti i Comuni di Ragusa e Santa Croce Camerina, a circa mezzo miglio di distanza dalla costa, ha effettuato il sequestro di oltre 150 tubi in plastica utilizzati, senza autorizzazione, per la pesca dei polpi, tutti non conformi alle vigenti normative di settore, tra l’altro segnalati in superficie con mezzi galleggianti improvvisati, privi di luci per l’identificazione notturna e pertanto anche pericolosi per la sicurezza della navigazione.

L’ingente sequestro delle attrezzature da pesca posizionate abusivamente in mare è stato possibile grazie ad una mirata e costante attività d’indagine, che ha consentito di individuare la zona di litorale, estesa in lunghezza per oltre un due kilometri, dove venivano utilizzati ed “abilmente celati” i tubi utilizzati per la pesca dei polpi.

Sono tutt’ora in corso ulteriori accertamenti per risalire ai trasgressori proprietari degli attrezzi in questione che, ove rintracciati, verranno ulteriormente sanzionati con un verbale amministrativo da 1.000 o 4.000 Euro ciascuno, a seconda che si tratti di pescatori sportivi o professionisti.

L’attività descritta, si inserisce nell’ambito di una mirata e specifica campagna di prevenzione, controllo e, ove occorra, repressione, condotta sull’intera “filiera ittica”, diuturnamente svolta dai militari della Capitaneria di Porto di Pozzallo e del dipendente Ufficio Locale Marittimo di Scoglitti, sia a terra con pattuglie automontate che, a mare, dagli equipaggi imbarcati sulle motovedette e battelli pneumatici, che verrà ulteriormente intensificata mediante uscite di controllo e vigilanza sia diurne che notturne. Nell’occasione, l’intervento condotto ha consentito di tutelare l’attività svolta dai pescatori professionisti rispettosi delle normative di settore nonché, contestualmente, la sicurezza della navigazione e la salvaguardia della vita umana in mare.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg