Attualità Ragusa 19/10/2017 13:51 Notizia letta: 2673 volte

Sergio Bramini: io, sul lastrico a causa dei debiti dell'Ato Ragusa. VIDEO

Parla il titolare della I.CO.M.
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-10-2017/sergio-bramini-lastrico-causa-debiti-dellato-ragusa-video-500.jpg

E' un uomo distrutto Sergio Bramini, ex titolare della I.CO.M  Spa, azienda monzese che si occupa dello smaltimento di rifiuti solidi urbani e che vanta, incredibilmente, più di 4 milioni di euro di crediti da parte dello Stato. La I.CO.M era una società solida e seria e i suoi clienti erano per il 99% dei casi gli enti pubblici. Durante un servizio andato in onda a Le Iene, su Italia 1, Bramini ha raccontato la sua triste vicenda: lo Stato Italiano, infatti, non l'ha mai pagato dal 2005 e lui, per far fronte alle spese della società e al pagamento dei dipendenti, ha contratto mutui su mutui. Uno dei suoi creditori è la Ato Ambiente Ragusa, società che è in liquidazione e che aveva come soci i sindaci di alcuni Comuni quali Vittoria, Scicli, Monterosso Almo, Modica, Comiso, Ragusa e Pozzallo. L'Ato ambiente, nei confronti della I.CO.M., ha un debito di 2 milioni di euro.

L'amministratore delegato di Ato ha dichiarato nel servizio che sono i Comuni ad essere stati insolventi ma l'ex sindaco di Vittoria, Giuseppe Nicosia, sempre durante il servizio, ha dichiarato che il suo Comune ha sempre pagato con regolarità.

Il sospetto di Bramini, però, è che addirittura il curatore fallimentare della sua azienda, sia sia messo d'accordo con ATO e invece di prendersela con il creditore, cercando di recuperare almeno una parte dei 2 milioni di euro, abbia chiuso l'accordo con ATO per 500 mila euro, vendendo poi il resto dei beni personali di Bramini. "Era più facile prendersela con un povero disgraziato che recuperare soldi in Sicilia", dichiara sconsolato l'imprenditore. 

i debiti di ato ambiente from Irene Savasta on Vimeo.

Irene Savasta