Sanità Cibo e Formula Uno 29/10/2017 22:52 Notizia letta: 657 volte

Lewis Hamilton, campione grazie alla dieta senza carne

Lewis Hamilton vegano: “Non voglio morire di cancro”. Ama gli animali, ha eliminato prima la carne, poi il pesce. Vuole essere d'esempio per gli altri.
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-10-2017/lewis-hamilton-campione-grazie-dieta-senza-carne-500.jpg

Lewis Hamilton si è laureato oggi campione del mondo di Formula Uno per la quarta volta. Al di là degli aspetti tecnici del campionato che ha incoronato Lewis per la quarta volta, raggiungendo così Alain Prost, una cusiorità si concentra su un aspetto insolito, la dieta vegana di Lewis Hamilton, tirata fuori da un giornalista inglese.
“Due anni fa ho smesso di mangiare carne rossa. Quest’anno non ho più mangiato pollo, poi sono diventato quasi reticente, ora mi sono fermato di nuovo – ha spiegato il driver inglese -. Il pesce era il passo successivo. La ragione di tutto questo: ho visto dei documentari che mi hanno fatto riflettere. Tutti voi sapete quanto amo gli animali. Ciò che facciamo come razza umana nel mondo è incomprensibile. Si dice che i nostri bovini da ingrasso producono più inquinanti di quanto produciamo con le auto. È pazzesco”.

Contrario ad ogni abuso perpetrato sugli animali e amante di uno stile di vita più sano ed equilibrato. “Finora non ho l’impressione che al mio corpo manchi qualcosa. Quando sono in corsa, la dieta è facile. Mercedes ha qui i propri cuochi. Per me a casa diventa un po’ più difficile. Questo sarà il vero test – ha aggiunto Lewis Hamilton -. Ho incontrato molte persone che hanno deciso di vivere vegan, tra cui molti amici. Tutti hanno un cuore sano e si sentono meglio. Dicono: Questa è stata la decisione migliore che abbia mai fatto. Sono pieni di energia positiva, sono forti e snelli”.

D’altronde la scienza ha dimostrato che cibi ricchi di grassi animali provocano malattie anche gravi come i tumori. Non a caso la carne rossa è stata elencata nella lista degli alimenti cancerogeni. “Non voglio essere diabetico in dieci o quindici anni. Non voglio un infarto come successo nella mia famiglia. Non voglio il cancro, che è anche successo nella mia famiglia. Se una persona vuole continuare a vivere rischiando la sua salute, allora questa è la sua scelta. Io no. Voglio cambiare qualcosa prima di ammalarmi. E spero di prendere la giusta direzione – ha concluso il pilota Mercedes -. Forse posso persino convincere alcune persone a fare la stessa cosa”.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif