Cronaca Siracusa

Lavoro nero, chiuso un albergo

Chiusi temporaneamente oltre all'hotel pure un ristorante, un'azienda agricola e una casa di riposo

Siracusa - Un lavoratore su quattro in nero. Sono questi i numeri di un blitz dei Carabinieri del N.I.L. di Siracusa, che hanno eseguito 15 accessi ispettivi e controllato le posizioni lavorative di 68 dipendenti. Di questi ben 17, e quindi uno su 4, erano in nero e cioè occupato senza alcuna tutela previdenziale ed assicurativa. “Il contrasto allo sfruttamento dei lavoratori è uno degli obiettivi primari perseguiti dal Comando Tutela Lavoro” – come sottolinea il Comandante del Gruppo Tutela Lavoro di Palermo Ten. Col. Pierluigi Buonomo - “ed anche grazie alle novità introdotte in materia di lotta al caporalato, per realizzare tale obiettivo sarà dato massimo impulso all’attività ispettiva.”.

Sono anche state sospese quattro attività imprenditoriali per avere impiegato lavoratori in nero oltre la soglia del 20 %. In paticolare è stata sospesa l’attivtà di un hotel di Siracusa, che aveva occupato 1 inserviente su 2 in nero (50%); una azienda agricola di Pachino che aveva occupato 6 braccianti su 6 in nero. (100%); un ristorante di Avola che aveva occupato 4 camerieri su 7 in nero (57%) e una casa di riposo di Carlentini, che aveva occupato 3 inservienti su 7 in nero (43%).

Sono stati inoltre denunciati alla Procura della Repubblica di Siracusa, tre imprenditori per avere violato norme sulla sicurezza dei luoghi di lavoro.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif