Economia Ragusa 01/12/2017 12:40 Notizia letta: 26353 volte

Credito, Banca agricola di Ragusa cede le sofferenze

Le indicazioni di Bankitalia
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-12-2017/credito-banca-agricola-ragusa-cede-sofferenze-500.jpg

Ragusa - Le banche siciliane dovranno eliminare almeno dieci miliardi di euro di crediti in sofferenza sui 50 indicati da Bankitalia per il sistema nazionale. La sede regionale di Bankitalia, scrive La Sicilia, ha chiesto a molti istituti di credito dell'Isola un piano per smaltire gli Npl valutati in 11,5 miliardi di euro. Tolti i grandi gruppi - Intesa, UniCredit, Bnl ed Mps - le poche banche siciliane hanno circa 1,5 miliardi da smaltire. Le posizioni di Banca Nuova, circa 400 mln, saranno trasferite alla Sga, società del ministero dell'Economia che gestirà i crediti negativi delle ex banche venete.

La Banca agricola popolare di Ragusa al 30 giugno 2017 che contava sofferenze per 613,4 milioni avrebbe affidato a società di consulenza, fra cui Prelios, la due diligence per una probabile cartolarizzazione. Le 22 Bcc dichiaravano a giugno 122,5 milioni di sofferenze, 116,7 milioni di inadeguatezze probabili e 48,5 milioni di "past due", dopo avere eliminato posizioni per 132,1 milioni: ogni realtà sta valutando come procedere, in vista della nascita dei due poli del credito cooperativo previsti dalla riforma di settore. Infine, la Popolare Sant'Angelo, registrando una giacenza di circa 150 milioni, avrebbe deciso di creare al proprio interno un pool di esperti per ottenere il maggiore recupero possibile autonomamente riducendo i tempi.

Una procedura adottata da molti altri istituti. Cedere sofferenze in Sicilia è più difficile: se in Europa una procedura di recupero si conclude entro 28 mesi, nell'Isola passano circa 30 mesi solo perché il tribunale nomini il Ctu, cioè l'esperto delegato a certificare il volume del danno. Poi si avvia la procedura vera e propria. Tre i principali ostacoli per una società di cartolarizzazione: i tempi dei tribunali, invasi da procedure che le sezioni fallimentari stentano a gestire; il mercato immobiliare che non si è ripreso; la cattiva gestione degli archivi bancari.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif