Attualità Vittoria

Vittoria, sviluppo urbano sostenibile, in arrivo 17 milioni

Lo annuncia il sindaco Moscato

Vittoria - La Commissione interdipartimentale della Presidenza della Regione Siciliana ha valutato positivamente la strategia di sviluppo urbano sostenibile delle città di Gela e Vittoria.
“La coerenza esterna, la coerenza interna, l’efficacia e sostenibilità della proposta - si legge nella nota inviata ai due Comuni dal dirigente generale Vincenzo Falgares - sono risultati ampiamente soddisfacenti,  considerati i contenuti del documento, la metodologia adottata e la chiarezza nell’espressione della logica di intervento”.
L’esito della valutazione è stato accolto con grande soddisfazione dai sindaci di Gela e Vittoria, Domenico Messinese e Giovanni Moscato, che hanno annunciato un incontro pubblico per illustrare la strategia di sviluppo urbano sostenibile, alla presenza delle istituzioni, delle organizzazioni datoriali, dei sindacati, delle associazioni e degli altri portatori d’interesse che hanno preso parte ai precedenti tavoli intercomunali.

Nell’ambito dell’attuazione del Programma Operativo Regionale FESR 2014/2020, i Comuni di Gela e Vittoria godono di una riserva finanziaria di circa 37 milioni di euro, spalmata su specifici obiettivi tematici: agenda digitale, energia sostenibile e qualità della vita, cambiamento climatico, prevenzione e gestione dei rischi, ed infine inclusione sociale. Per Vittoria lo stanziamento previsto è di 17 milioni di euro.

“Chiudiamo l’anno – ha commentato il sindaco Moscato – con una notizia straordinaria: siamo la prima Agenda Urbana, insieme a quella di Messina, a ricevere l'approvazione dalla Regione. La sinergia con Gela si è rivelata vincente e ringrazio il dirigente Alessandro Basile e gli uffici della Programmazione comunitaria per il grande lavoro svolto.

Con 17 milioni di euro riusciremo a migliorare il volto della città, ad ammodernare i sistemi informatici, a creare spazi verdi comuni e una vera mobilità sostenibile, e ad agire con importanti progetti per l’inclusione sociale. Adesso sarà nostro compito redigere i vari progetti e sono certo che entro la fine del mio mandato raccoglieremo i frutti di questo intenso sforzo di programmazione”.