Attualità Scicli

Mister Amarone Sandro Boscaini a Scicli

Il suo vino viene esportato in 90 paesi

Scicli - L'Amarone è un vino storico, un prodotto d'eccellenza italiano molto apprezzato all'estero. E Sandro Boscaini ne è non solo il più importante produttore, ma anche il suo autorevole ambasciatore. In questi giorni Boscaini è stato a Scicli in vacanza con la famiglia. Il manager rappresenta un'azienda di spicco, la Masi Agricola, e nello stesso tempo un certo spirito veneto, che unisce l'attaccamento alla propria terra con le capacità del mercante. In questo senso interpreta una tradizione che risale all'epoca della Repubblica Serenissima. Leader nella produzione di vini in Valpolicella, sono otto le generazioni di Boscaini che hanno prodotto vino. 

Fautore dell’innovazione e della ricerca, pur nel rispetto delle tradizioni, Boscaini è noto per aver promosso un approccio nuovo nel mondo del vino: un team di esperti con specializzazioni diverse, dalla viticoltura all’enologia, dalle ricerche di
laboratorio al marketing, che, attraverso continui studi e sperimentazioni, anche in collaborazione con università e centri di ricerca, approfondisce le tematiche della viticoltura e dell’enologia moderna, e promuove la riscoperta e valorizzazione delle uve e delle tecniche autoctone delle Venezie.

La figura di Sandro Boscaini è talmente simbiotica con la realtà di questo vino unico, che la scrittrice e giornalista inglese Kate Singleton ha voluto dedicargli il libro “Mister Amarone. Un uomo e un vino dal Veneto al mondo”, edito da Marsilio: la storia di un uomo e della sua famiglia, che in sette generazioni ha contribuito a creare, con il suo Amarone, un’eccellenza italiana.  seguita l’edizione inglese “Amarone, The making of an Italian wine phenomenon”, edita negli Stati Uniti dalla Wine
Appreciation Guild. Sandro Boscaini oggi guida un’Azienda presente in 90 Paesi del mondo. 

La Fondazione Masi promuove ogni anno un premio che viene conferito a personaggi originari delle Venezie che si sono distinti nei campi della letteratura, dell'arte, del giornalismo, della scienza, dello spettacolo e dell'economia.

Nella foto, Marisa Fumagalli, Corriere della sera, Sandro Boscaini e Peppe Savà.