Attualità Modica

Sopralluogo dell'assore Falcone sulla Rosolini-Modica

A che punto stiamo?

Modica - Verificare lo stato dell’arte dei lotti autostradali della Sr-Gela da Rosolini a Modica. Questo l’intento del sopralluogo effettuato oggi dall’assessore regionale alle infrastrutture Marco Falcone vista l’attuale difficile situazione che stanno attraversando i cantieri  fermi per mancanza di risorse. L’assessore Falcone accompagnato dal parlamentare nazionale, Nino Minardo e dal deputato regionale, Orazio Ragusa, ha potuto valutare di persona da una parte la complessa vicenda e dall’altra ha avuto contezza della necessità di risolverla subito per dare a questo versante della Sicilia orientale un’ infrastruttura necessaria ed attesa da troppo tempo.

L’assessore ha anche incontrato una delegazione di imprenditori in regime di subappalto che rischiano il fallimento perché non sono stati pagati dalla «Cosige», la ditta che si è aggiudicata i lavori di costruzione del tratto autostradale nella gara indetta dal Cas cui spetta il pagamento degli  stati di avanzamento, motivo per cui al momento i lavori sono fermi. Con gli imprenditori ha avuto un’interlocuzione approfondita e ha dato loro garanzia di trovare immediata soluzione per pagare a loro direttamente le spettanze dovute. Nel frattempo c’è già una somma disponibile di 22 milioni di euro dei quali 10 saranno subito elargiti e i restanti saranno erogati successivamente con cadenza mensile ad ogni stato di avanzamento dei lavori.

Di  questi 10 milioni  8 andranno direttamente alle aziende subappaltatrici e 2 alla Cosige. Giovedì intanto l’assessore Falcone insieme al direttore generale del Cas, ing. Pirrone, sarà a Roma per avere l’autorizzazione dalla Cosige per pagare direttamente i fornitori cosicchè riprendano subito i lavori.
Siamo fiduciosi nella soluzione immediata della triste vicenda.

Nel ringraziare l’assessore Falcone per la sensibilità avuta nei confronti di questo territorio e di aver celermente accolto il nostro invito, dichiarano gli onorevoli, Minardo e Ragusa, auspichiamo che in breve tempo arrivino risposte concrete per la definitiva soluzione della problematica   che sta mettendo a rischio non solo il completamento dei lotti in questione ma anche il lavoro di tanti imprenditori locali con il rischio fallimento delle loro aziende.