Attualità Gioco online

Il ludus che premia, un milione di motivi per tentare la sorte in Sicilia

Una tradizione antica

È quella sorta di fiducia 'democratica' che dal '600, anzi esattamente dal 1682, ovvero quando a Napoli viene per la prima volta introdotto il gioco del Lotto, muove l'uomo non ricco, non aristocratico e nemmeno alto borghese a tentare la fortuna che, essendo cieca, non decide per classe o rango a chi dare o a chi togliere.
Sarà forse per questo che in tutto il meridione, fin giù da noi in Sicilia il gioco di fortuna non solo si tenta con una certa costanza ma è parte ben salda del bagaglio culturale. Non fu un caso che anche il grande Giuseppe Pitrè, uno tra i maggiori se non il maggior esperto di studi folkloristici della nostra terra, si interessò con ricerche particolareggiate alle tradizioni che ammantano la storia del gioco in Italia e in occidente. Rintracciando precedenze, tra un paese e l'altro, origini e percorsi.
Vista quindi in un'ottica di puro 'ludos', e democratico destino può quindi apparire come una favola, e forse una favola reale a lieto fine davvero lo è, la vicenda di quell'uomo siciliano che qualche settimana fa, acquistata una semplicissima schedina in un tabacchi di Messina, si ritrova poco dopo un milione di euro in saccoccia. Anche il titolo del concorso strappa via un sorriso: "20 Nababbi a Natale".
Certo dal '600 ad oggi, Lotto a parte, molti giochi di fortuna son cambiati, soprattutto con l'avvento della rete.
Fa strano però vedere però che molti, in particolar modo quelli di carte, non sono scomparsi né sono stati rimpiazzati ma semplicemente hanno mutato la loro modalità di fruizione declinandosi alla rete e alle regole del digitale.
Guardiamo un esempio dei più immediati: non cambia di molto la vecchia giocata a dadi o alle slot. Stiamo parlando di gioco d'azzardo, una pratica che risale agli inizi dell’umanità. I primi dadi sono stati infatti rinvenuti in Cina e risalgono a più di 5000 anni fa e si presume che il suo scopo fosse quello di conoscere il volere divino.
Oggi, nell’era del digitale, le novità arrivano anche nel campo del gioco. Ne sono un esempio le slot online che funzionano come quelle da bar ma vi si può giocare anche da cellulare.
Insomma, facciamolo con buon senso ma non colpevolizziamoci se qualche volta ci va di tentare la fortuna. Lo facevano i nostri avi e fa parte del nostro Dna.