Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Mercoledì 26 Novembre 2014 - Aggiornato 26/11/2014 14:42 - Online: 373 - Visite: 19740370

24/10/2011 15:28

Notizia letta: 3123 volte

Platone e il suo terzo, e ultimo, viaggio in Sicilia

Storie di filosofi, e di tiranni

Platone e il suo terzo, e ultimo, viaggio in Sicilia

Esattamente 2.360 anni fa, nel 361 avanti Cristo, Platone compie il suo terzo - e ultimo - viaggio in Sicilia. Il grande filosofo si reca, com’era stato anche per i primi due suoi viaggi in terra sicula (rispettivamente nel 388 e nel 364 avanti Cristo), direttamente a Siracusa.

Infatti nei suoi precedenti viaggi Platone aveva conosciuto a Siracusa il governatore Dionigi, e dove strinse amicizia col cognato del tiranno, Dione, che guardò con favore ai programmi politici di Platone. Ma il tiranno non apprezzava molto le idee di Platone, tanto da costringerlo ad abbandonare Siracusa per Atene. Nel secondo viaggio, di soli tre anni precedenti il terzo ed ultimo, Platone è a Siracusa, invitato da Dione che, con la morte di Dionigi il Vecchio e la successione al potere di suo nipote Dionigi il Giovane, conta di poter attuare le riforme impedite dal precedente tiranno.


Platone rimane a Siracusa come consigliere di Dionigi e mette mano ai suoi progetti di trasformazione istituzionale dello Stato siracusano. Nel 361, in occasione del terzo viaggio a Siracusa, Platone non trova più Dione, verso il quale Dionigi manifesta una aperta ostilità. I tentativi di Platone di difendere l’amico portano alla rottura dei rapporti con il tiranno siracusano che arriva a imprigionare il filosofo. Liberato grazie all'intervento di Archita, il pitagorico tiranno di Taranto, amico di entrambi, l’anno dopo Platone potrà ripartire per Atene; durante il viaggio sbarca a Olimpia per incontrare per una ultima volta Dione che progettava una guerra contro Dionigi, dalla quale Platone cercò invano di dissuaderlo.

Oltre che la presenza stessa del grande filosofo in Sicilia, i viaggi effettuati a Siracusa sono stati anche stimolo per la scrittura delle ultime, e tutte importantissime opere di Platone. Tra queste – seppure scritte fisicamente ad Atene e fino a poco prima di morire nel 347 avanti Cristo nella sua Accademica (che chiuderà soltanto nel 529 dopo Cristo) - anche il Timeo, il Crizia, il Politico, il Filebo, le Leggi.

Saro Distefano

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.