Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Sabato 25 Ottobre 2014 - Aggiornato 24/10/2014 23:16 - Online: 94 - Visite: 18936567

14/01/2009 15:20

Notizia letta: 2043 volte

Il Genio Civile: inaccessibile la spiaggia di Bruca

Il Genio Civile: inaccessibile la spiaggia di Bruca Il Genio Civile: inaccessibile la spiaggia di Bruca Il Genio Civile: inaccessibile la spiaggia di Bruca Il Genio Civile: inaccessibile la spiaggia di Bruca Il Genio Civile: inaccessibile la spiaggia di Bruca

Tags

Scicli - Troppo pericoloso. Il Genio di Civile di Ragusa ha chiesto al Comune di Scicli di interdire del tutto l'accesso alla spiaggetta di Bruca, a causa del rischio di distacco del costone roccioso.

Giornate di superlavoro per l’ufficio di protezione civile del Comune di Scicli.  Durante le precipitazioni atmosferiche di questi giorni si sono aggravate le condizioni di precarietà di alcuni siti.

Sono stati registrati diversi crolli di muri lungo la Via Modica - Scicli, tra l'ex mattatoio e l'ex ghiacciaia, lungo la strada provinciale n. 54, nel tratto di competenza comunale.

Interdetto l'accesso nella stradella dietro la Plasticontenitor,  in contrada Arizza. Il ponte è pericolante. Si è creata una voragine di un metro di diametro e c’è il rischio che l’opera di ingegneria crolli.

Allagata anche la stradella “pantano Arizza”. Intanto, la giunta comunale ha chiesto la dichiarazione dello stato di calamità naturale per la strada regionale 76, Scicli-Case San Francischiello, ovvero la via Lodderi, da considerarsi chiusa al traffico. Motivo della richiesta, i continui crolli di massi che si registrano lungo il costone roccioso.

Intanto, gli abitanti della via Timponello, al quartiere di San Bartolomeo, si dicono preoccupati per il rischio che altre abitazioni abbandonate possano rovinare dopo quella che è crollata due notti fa.

A San Bartolomeo il problema è particolarmente sentito. Sono parecchie le case abbandonate che rischiano di crollare sotto i fendenti delle precipitazioni atmosferiche. “Ci sentiamo continuamente a rischio, dice una signora dopo aver assistito al crollo della casa abbandonata mercoledì notte”.

All’ordine del giorno dei siti da mettere in sicurezza, prima della stagione estiva la spiaggetta di Bruca. Da cinque anni a questa parte il sito è particolarmente pericoloso. Diversi distacchi si sono registrati e la scaletta usata per raggiungere la spiaggia è stata chiusa al’accesso pedonale. Un quadro clinico che non deve destare allarmismo, quello che si registra in città, ma serve una capillare informazione circa i rischi, cui vanno incontro gli ignari cittadini.

E servono finanziamenti extra sacco dalla Protezione Civile per porre rimedio a queste emergenza che attentato alla sicurezza della popolazione.

 

Ecco il dossier fotografico.

La scogliera di Bruca, a rischio crolli. La spiaggia è stata dichiarata inaccessibile.

 

Il ponte di Trillalici, in contrada Arizza, dietro Plasticontenitor

 

La voragine del ponte di Trillalici

 

Allagamento stradella Pantano Arizza

Commenta la news

  • 6

    16/01/2009 14:22

    Uruchesi

    playa grandi agghiustarru e a la Uruca la sbracarru

  • 5

    16/01/2009 09:51

    INCOMPETENTI ENTRAMBI

    purtroppo e' cosi'

    Quando esiste un pericolo imminente e' obbligo della protezione civile intervenire, e dopo ci di competenza si assume le responsabilita' nel caso in atto la responsabilita' e' del demanio, del genio per le opere marittime e della provincia regionale,ripeto intanto deve intervenire la protezione civile, l'onorevole non c'entra un tubo, lui puo' solo chiedere interventi piu' celeri.

  • 4

    16/01/2009 08:23

    X SANT JUST

    non voglio entrare nella diatriba fra lei ed il sig. arrivederci ma.... LE PRATICHE DI RISANAMENTO DELLE COSTE, DEVONO PARTIRE DAI COMUNI, NEL 2006 AL COMUNE DI SCICLI VI ERA POSTEGGIATA UN'ALTRA AMMINISTRAZIONE, CHE NON E' RIUSCITA DOPO 10 ANNI DI PORTARE  A CONCLUSIONE UNA PRATICA ANALOGA SU SAMPIERI (VIA MILANO) DAI A CESARE QUEL CHE E' DI CESARE  E ....................................................... 

  • 3

    15/01/2009 23:00

    SI DOCUMENTI LEI, CHIUNQUE SIA

    Saint-Just

    Nella competenza di chi ricadone le coste e le spiagge? Non è per caso demanio marittimo di competenza regionale?

  • 2

    15/01/2009 17:55

    RISPOSTA PER SAINT JUST

    ARRIVEDERCI

    VERO E' CHE L'ONOREVOLE RAGUSA CI DEVE RAPPRESENTARE, MA E' VERO ANCHE CHE L'ONOREVOLE RAGUSA E' DEPUTATO REGIONALE E QUESTA CARICA OBBLIGA L'ONOREVOLE A FARE E CURARE GLI INTERESSI DI TUTTI GLI ABITANTI DELLA REGIONE, NEL LIBERO E DEMOCRATICO CONFRONTO CON GLI ALTRI CONSIGLIERI. PER LA SPIAGGETTA DI BRUCA C'E' IL SINDACO. SI INFORMI PRIMA DI PUNTARE IL DITO E ACCUSARE!!!!!! LO STATO E' SUDDIVISO IN: REGIONI, PROVINCIE, COMUNI, CITTA' METR.. I CONSIGLIERI E IL PRESIDENTE ( REGIONALI) SI OCCUPANO DEI PROBLEMI DELLA REGIONE; QUELLI PROVINCIALI DEI PROBLEMI DELLA PROVINCIA; SINDACO E CONSIGLIO DEI COMUNI.

  • 1

    14/01/2009 22:22

    ONOREVOLE BATTI UN COLPO!

    Saint-Just

    Ormai non è possibile tecnicamente parlare di "spiaggia", si è creato uno "sdirrubbo" di circa 6 metri e di sabbia non ve ne è nemmeno l'ombra. La Regione nel 2006 aveva dato disposizioni per la salvaguardia delle coste e degli arenili attraverso specifici interventi. L'Onorevole Ragusa ha fatto qualcosa in tal senso? E' a conoscenza di queste disposizioni? Non ho mai partecipato ad una seduta spiritica...ma invoco un segnale dell'esistenza ectoplasmatica di colui che ci dovrebbe rappresentare.Sinceramente non Vostro elettore.

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.