Sanità

Riccardo Minardo sulla Sanità

Le esigenze sanitarie dell’utenza prescindono da qualsiasi gestione burocratica e strettamente contabile dell’Asl 7, che al di là di scelte manageriali di qualsiasi tipo è tenuta ad assicurare in modo capillare ed assolutamente ineccepibile nel territorio i servizi. E’ quanto sostiene l’on. Riccardo Minardo allarmato dal fatto che sono numerosi i casi di continui disservizi che si registrano nei nosocomi della provincia, non ultimo quello dei reparti di chirurgia a Comiso e ortopedia a Scicli non operativi nelle ore notturne e dirottati al Guzzardi di Vittoria e al Maggiore di Modica. Anche se si tratta di un trasferimento momentaneo, come precisato dai vertici dell’ausl 7, si tratta comunque, sottolinea Minardo, di un disservizio a cui gli ignari utenti sono costretti ad imbattersi, solo perché si tiene conto dell’esigenze di gestione burocratica e contabile e non di quelle dei pazienti.
Decisioni così importanti, continua il parlamentare nazionale, devono essere valutate con molta attenzione e senso di responsabilità, chiudere la chirurgia a Comiso e l’ortopedia a Scicli vuol dire non garantire i più importanti servizi ai cittadini e ai villeggianti che popolano le nostre città in questo periodo.
Le penalizzanti decisioni gestionali e le soppressioni di servizi essenziali continuano a creare presso l’utenza ospedaliera gravi disagi, sottolinea Minardo, che intaccano in modo spregiudicatamente assurdo la garanzia del diritto alla salute di ogni cittadino.
Occorre dunque, continua il parlamentare nazionale, che le urgenti questioni che riguardano la sanità iblea siano attenzionate e risolte con interventi concreti per dare serenità ai cittadini garantendo servizi efficienti, assistenza, sicurezza, celerità, attrezzature all’avanguardia e azioni di miglioramento e potenziamento dello sviluppo generale del settore per una sanità che sia sempre più vicina e conforme alle esigenze dell’utenza .

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif