Sanità

Liberi e Concreti sul Busacca

Il Movimento Liberi e Concreti, alla luce delle ultime notizie sulla faccenda di riduzione della spesa sanitaria Regionale con il previsto taglio di ulteriori 19 posti letto per acuti previsti per l’Ausl 7 di Ragusa, paventando che il  possibile agnello sacrificale possa essere ancora una volta l’Ospedale Busacca di Scicli, ribadisce con forza  il proprio dissenso al continuo ed ormai accanito smembramento della struttura.

Ora basta, noi non ci zittiamo, ma vigiliamo continuamente in difesa della nostra comunità, sempre pronti a denunciare pubblicamente ogni atto contro la stessa esistenza del nosocomio sciclitano.

La città di Scicli già scarsamente tutelata in merito alle questioni sanitarie, è  indisponibile ad accettare questo tipo di riduzioni solo per squallide finalità ragionieristiche di cui proprio il nosocomio Sciclitano non ha avuto e a tutt’oggi  non ha assolutamente responsabilità.

Vadano a cercare altrove i tagli ed il rientro della spesa sanitaria. Rivedano, (e ce ne sono tante)  convenzioni di servizi doppioni con altre strutture private.

Il Busacca ormai ridotto a lumicino nella possibilità di garantire i servizi minimi, che ancora riesce comunque ad erogare grazie al prodigarsi con il già poco personale Medico e Paramedico che nonostante tutto opera egregiamente, non può e non deve assolutamente subire altre riduzioni.

Noi sosteniamo con forza e senza pregiudiziali qualsiasi iniziativa, che essa venga dalla deputazione nazionale o regionale, e dalle rappresentanze provinciali e comunali che si attiveranno affinché venga scongiurata ogni altra possibilità di riduzione di posti letto o servizi sanitari nell’Ospedale Busacca.

Invitiamo quindi ancora una volta la cittadinanza tutta ad attenzionarsi fortemente a questa problematica e di non delegare solo agli altri le dovute iniziative in difesa dell’Ospedale Busacca.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1518431048-3-peugeot.jpg

Il Presidente

Pino Zapparata