Scuola

Facoltà di Lingue: Un tavolo per convenzione Università-Consorzio

Si è tenuta lunedì scorso, 3 novembre, nella sede di Ragusa della Facoltà di Lingue e letterature straniere dell’Università di Catania, una seduta del consiglio di facoltà, alla quale hanno preso parte anche il presidente del Consorzio Universitario della Provincia di Ragusa Giuseppe Drago ed i componenti del consiglio di amministrazione del Consorzio stesso, gli onorevoli Innocenzo Leontini, Giovanni Mauro, Sebastiano Guerrieri e Gianni Battaglia, oltre al direttore amministrativo Gustavo Dejak.
In quella che il preside della Facoltà Nunzio Famoso ha opportunamente definito “una casa comune” ha avuto luogo un dibattito aperto e proficuo sulla situazione attuale e sulle prospettive future della facoltà di Lingue che, come è stato unanimemente riconosciuto, “ha assunto in dieci anni un ruolo strategico per il territorio ibleo, imponendosi per qualità della didattica, livello della ricerca e capacità propulsiva nei confronti della realtà sociale ed economica della provincia”. “Ciò è testimoniato – ha proseguito il preside Famoso – anche dal gradimento espresso dagli allievi, dallo svolgimento di numerosi convegni nazionali e internazionali e dalle pubblicazioni scientifiche realizzate, oltre che dallo sviluppo ‘simultaneo’ di Ragusa Ibla, a seguito degli insediamenti universitari”.
I rappresentanti del Consorzio ibleo e il consiglio di facoltà hanno perciò espresso unanime soddisfazione per i cospicui risultati raggiunti, confermando l’impegno di rafforzare il progetto universitario nella sede ragusana, una volta risolta e archiviata la vicenda della transazione. La prossima tappa è pertanto la costituzione di un tavolo tecnico con il compito di rimodulare l’attuale convenzione tra Consorzio e Università di Catania, così da venire incontro alle esigenze di una realtà universitaria enormemente cresciuta rispetto alle sue dimensioni iniziali: “Si pensi solo al fatto che la Facoltà di Lingue a Ragusa – sottolinea il preside - ospita l’unica laurea specialistica in Lingue orientali del meridione d’Italia e che accoglie per questo studenti provenienti da varie regioni”.
Tutti gli intervenuti hanno inoltre concordato sulla necessità di giungere ad un testo che assicuri un adeguato futuro a questa realtà universitaria d’eccellenza, situata nel cuore del Mediterraneo e particolarmente sensibile alle dinamiche dell’integrazione culturale, alla crescita della piccola e media impresa e alla vocazione turistica del territorio. Per quel che riguarda l’attuale anno accademico 2008/2009, di transizione fra ‘vecchia’ e ‘nuova’ convenzione, si è infine addivenuti ad un accordo di massima, nel quale le aumentate spese di funzionamento della facoltà (finora anticipate dall’Ateneo) saranno reperite grazie allo sforzo comune della facoltà stessa e del Consorzio, che si è impegnato a contribuire con una integrazione per il buon fine delle attività didattiche già intraprese.

Reteiblea

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg