Sanità

Sanità pubblica e sanità privata a Ragusa

A fronte di un tasso di prestazioni sanitarie per Abitante Regionale di 11,35, la provincia di Ragusa e Caltanissetta si pongono agli ultimi posti, rispettivamente con 8,46 ed 8,21 a fronte dei 12,38 di Catania, ai 12,22 di Palermo e ai 12,13 di Messina.

La provincia di Ragusa con il 53,80% di prestazioni fornite dalla Convenzionata Esterna si colloca all’ultimo posto in Sicilia come prestazioni fornite dai privati a fronte di una media regionale del 70,40%, con 38 strutture convenzionate rispetto alle 1525 strutture censite nel Piano di Rientro sanitario.

In seguito all’applicazione del D. A 2835/07, alla successiva integrazione con il DA 549/08 valida solo per Catania e Palermo, i tetti di spesa per singola provincia  per le prestazioni delle branche a visita e la diagnostica di laboratorio e strumentale delle strutture convenzionate, hanno portato a risultati abnormi relativi alla spesa pro capite della convenzionata esterna, che oscilla da un massimo di 90,89 euro pro capite di Agrigento, di 87,19 euro per Palermo, di 76,52 per Catania e ad un minimo di 27,35 euro per Ragusa, a fronte di una media regionale di 69,76.

Tale risultato è scaturito dal mancato inserimento di un fattore correttivo che uniformasse, anche in maniera graduale, le percentuali di spesa pro capite rispetto alla media regionale e le percentuali di Privato rispetto al Pubblico.

Il successivo decreto assessoriale 1985/08, in corso di  applicazione, aggrava  lo scenario, assegnano a Ragusa 6.709.000,00 euro con una spesa pro capite per la convenzionata esterna di euro 21,68 a fronte di una spesa media pro capite regionale di euro 59,30.

Le conseguenze che si vengono a prospettare dal 1 Settembre 2008 al 31 Dicembre 2008 in provincia di Ragusa si possono così riassumere. Laboratori Analisi; viene a mancare l’apporto della Convenzionata Esterna soprattutto nel Distretto di Ragusa e nel Distretto di Vittoria.

Nel Distretto di Ragusa l’AUSL7 in applicazione del Piano di Rientro aveva provveduto a chiudere il Laboratorio Analisi del Poliambulatorio di Via Roma, unica struttura Aziendale esistente in tale Distretto, trasformandolo in semplice punto prelievo, trasferendo il personale presso i Presidi Ospedalieri Aziendali.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1518431048-3-peugeot.jpg

La strutturazione di personale, strumenti e reattivi non consentirà all’Azienda Ospedaliera Ompa di far fronte alle richieste provenienti dall’utenza dell’intero distretto di Ragusa.

Identica situazione si verrà a verificare nel Distretto di Vittoria, dove, l’anno scorso, pochi giorni di sciopero dei Convenzionati Esterni avevano già messo in grave crisi le strutture dei Presidi Ospedalieri di Comiso e Vittoria

Minori disagi si avranno nel Distretto di Modica dove sono concentrati i laboratori di analisi sotto i 200.000 euro di Budget e che continueranno a lavorare per qualche tempo, fino ad esaurimento del Budget e dove tradizionalmente i Presidi Ospedalieri coprono il fabbisogno di poco meno del 50% di analisi cliniche .

Pertanto nei Distretti di Vittoria e di Ragusa si verificheranno le liste di attesa, anche per una semplice glicemia.

Emerge l’ingiustificata penalizzazione che dovrà subire l’utenza della Provincia di Ragusa.

La Provincia di Ragusa risulta al penultimo posto per Prestazioni di Laboratori Analisi, sia Pubblici che Privati, con un tasso di 6.516,42 a fronte di un tasso regionale di 8.187,82 ed è all’ultimo posto in Sicilia per indagini specifiche Allergologiche con un tasso x 1000 pari a 0,25, che qui si riporta come indicatore della non esistenza in Provincia di Ragusa di analisi gonfiate.

La correttezza prescrittiva dei Medici di Medicina Generale, la professionalità delle strutture convenzionate, il controllo puntuale dei funzionari della Medicina di Base garantiscono che le prestazioni scaturiscono sostanzialmente da una domanda basata sui fabbisogni reali della popolazione.

Le Prestazioni di Risonanza Magnetica e di Medicina Nucleare sono fornite esclusivamente dalle Strutture Convenzionate Esterne. Esiste in provincia di Ragusa una sola struttura di Risonanza Magnetica convenzionata e una sola struttura di Medicina Nucleare con un budget già assolutamente insufficiente  per le esigenze della provincia.

Dal primo settembre il S.S. R. non può fornire alcuna prestazione in quanto l’unica Risonanza Magnetica pubblica, in possesso dell’Azienda Ospedaliera Civile  Ompa è utilizzata, pressoché esclusivamente, per le necessità diagnostiche dei ricoverati presso l’Azienda.

Non si tratta dunque semplicemente di istituire Liste di Attesa, ma di interruzione di Pubblico Servizio, con tutti i risvolti legali ipotizzabili.

Il Piano di Rientro prevede di ridurre il tasso di  ospedalizzazione nella Regione Sicilia, riportandolo nei parametri nazionali.

La provincia di Ragusa su cui  insistono  quattro Presidi Ospedalieri e l’Azienda Ospedaliera OMPA ha un tasso di ospedalizzazione superiore alla media regionale.

La riduzione di prestazioni imposte per la convenzionata esterna, nella provincia di Ragusa nel 2007 e nel 2008, va in direzione diametralmente opposta in quanto esiste una correlazione negativa tra ricoveri e prestazioni ambulatoriali.