Cultura

Il maestro Claudio Scimone: Grazie Scicli

Illustre e Gentilissimo Sindaco ,

                      è difficile  trovare parole sufficienti a descriverLa la mia commozione e la mia gratitudine non solo per l'altissimo riconoscimento ricevuto dalla Sua, dalla nostra Città,  ma anche  per l'affettuosa, squisita , generosa  accoglienza  tributatami da Lei per primo e da tutti coloro che ho incontrato nonché per la  cortesissima ospitalità offertami. Mi sono sempre sentito orgoglioso della mia discendenza sciclitana e siciliana (d'altra parte il culto dell'arte barocca mi tiene quotidianamente vicino a quella splendida arte che trova proprio in Scicli una delle sue massime espressioni ) ma mai come in quest'occasione. 
Ho pensato a mio Padre e sono sicuro che  era presente con noi e che era, anch'egli, emozionato e commosso. 

    Devo felicitarmi per la perfetta organizzazione della serata  e per la cura con cui tutte le persone  impegnate  nella  cerimonia si sono preparate ed hanno svolto con grandissima classe il loro compito. 

In particolare il Professor Pitrolo  che, con il suo profondissimo studio di quanto mi riguardava, è riuscito  a farmi parlare abbastanza anche se ero determinato  a lasciare il Suo (ampio) spazio a Sgarbi, il quale, a dire il vero, lo meritava pienamente per la Sua vastissima, ricchissima conoscenza degli artisti  di Scicli  e della città medesima.

    Mi auguro di poterLa incontrare nuovamente e di poterLe dire ancora di persona la mia stima  per l'attività che Ella svolge per la nostra Città  e la mia gratitudine.

    La prego anche di ringraziare vivamente il Presidente del Consiglio Comunale e il personale del Suo Ufficio e dell'Assessorato alla Cultura  (in particolare il Dott. Savarino) che hanno collaborato alla mia venuta.
   
    A Lei , Signor Sindaco, auguro pieno successo nel proseguimento del Suo importantissimo compito e invio i miei più riconoscenti, distinti, cordialissimi saluti.


Claudio Scimone