Scuola

OrientaMedia a Catania, risultati test attitudinali: Al palo studi umanistici

CATANIA -  Gli studenti che frequentano le terze medie e che si accingono a scegliere gli istituti superiori, hanno attitudini verso l’ambito scientifico e sono pronti anche a studi più rigorosi, come nel caso dei licei e degli istituti tecnici. E’ quanto emerge dagli ultimi dati disponibili tratti dai test psico-attitudinali che l’ufficio orientamento del Comune di Catania somministra nelle scuole sotto la guida dello psicologo Salvatore Arcidiacono. E sarà proprio lui ad intervenire ad “OrientaMedia”, il primo salone di orientamento per gli studenti che si terrà dal 18 al 20 dicembre prossimi al Palacannizzaro Rosario Livatino di Acicastello, in provincia di Catania. Un salone dedicato all’orientamento degli alunni delle medie inferiori nella scelta dell’istituto scolastico di grado superiore o dei vari percorsi di formazione professionale. E in anteprima, Arcidiacono fornisce alcuni aspetti del monitoraggio. “E’ da anni che effettuiamo questo testing e abbiamo frequentemente riscontrato nette divergenze tra le attitudini innate dei ragazzi e i loro interessi – spiega il dott. Arcidiacomo – Non c’è stato sincronismo. E come se, attitudini e interessi, fossero lancette di uno stesso orologio che segnano le ore sei del mattino. Negli ultimi due anni, però, abbiamo dati più incoraggianti. C’è una tendenza al miglioramento, come ci fosse una rinascita delle attitudini verso l’ambito scientifico sul quale convergono sempre più anche gli interessi. Probabilmente molti ragazzi, sulla scorta di maggiori informazioni ricevute, iniziano ad avere la consapevolezza che grazie agli studi scientifici o specialistici, come nel caso degli istituti tecnici, potranno poi contare su di un percorso universitario che permetta un migliore inserimento nel contesto lavorativo. Restano invece al palo gli studi umanistici”. Arcidiacono, assieme al suo staff, sarà presente ad “OrientaMedia” e fornirà maggiori informazioni sulle iniziative portate avanti nelle scuole, proponendo anche una convenzione con gli istituti scolastici della provincia etnea visto che l’ambito del monitoraggio è stato finora quello del capoluogo. 

“Il test che ogni anno somministriamo a circa 3000 studenti, consiste in delle batterie fattoriali con una validazione statistica che consente di valutare le attitudini mentali di base del soggetto – conclude Arcidiacono – Se cioè il soggetto ha uno spiccato fattore verbale, spaziale o numerico o ancora un migliore ragionamento logico. Un salone come “OrientaMedia”, che apre le porte a tutti gli alunni delle seconde e terze medie inferiori e ai loro genitori, con la possibilità di interagire direttamente con i vari istituti, permette sicuramente di sviluppare maggiori conoscenze, utili alla scelta che, entro gennaio, gli studenti di terza media dovranno effettuare”.

“OrientaMedia” è organizzato da Avantgarde e AdMaiora in collaborazione con la Regione, la Provincia, il Comune, l’Associazione Presidi e l’Associazione Genitori.