Sanità Sanità e Consorzio Universitario Ibleo

50 posti letto a rischio a Ragusa. Drago: La soluzione? Il policlinico

Ragusa - La scure del disegno di legge sulla riforma sanitaria in Sicilia è pronta ad abbattere una cinquantina di posti letto in tutta la provincia di Ragusa. Ma il territorio ibleo ha ancora una carta da giocare: realizzare un policlinico universitario che consenta, nel contempo, di creare posti letto in sostituzione di quelli falciati dalla riforma e di salvare il corso di laurea in Medicina e Chirurgia.

Questa l’ipotesi, piuttosto ambiziosa, avanzata dall’on Peppe Drago, presidente del Consorzio universitario ibleo, durante un incontro tenutosi a Ragusa, a Palazzo dell’Aquila, tra sindaci, deputazione provinciale e i manager Fulvio Manno, direttore generale dell´Ausl 7, e Calogero Termini, suo omologo dell´azienda ospedaliera.

L’idea del deputato nazionale Udc, Peppe Drago, è stata accolta favorevolmente dai deputati regionali Pippo Digiacomo, Roberto Ammatuna, Orazio Ragusa, Innocenzo Leontini e Riccardo Minardo, che si sono dichiarati disponibili a inserire la proposta in un emendamento per il disegno di legge.

«È una mossa da tentare, consentirebbe di vincere ben due battaglie su un unico fronte – ha detto il deputato Innocenzo Leontini –, ma è anche un’impresa piuttosto ardua. La riforma sanitaria infatti prende in considerazione solo gli istituti assistenziali, non quelli formativi come il corso di laurea in questione. Tuttavia… arrivati a questo punto non lasceremo nulla di intentato».

Fabio Tomasi

Corrierediragusa

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif