Sanità Approvata in aula

L'on. Ammatuna: Riforma sanitaria scadente

E’ stato approvato in Aula il progetto di riforma sanitaria. Entrando nel dettaglio della riforma la tabella B, relativa ai Distretti ospedalieri, per la quale il gruppo parlamentare del Pd all’Ars aveva presentato un subemendamento con la possibilità per i territori di dare le loro indicazioni in materia, è stata approvata in maniera diversa. Per la provincia di Ragusa sono previsti due Distretti ospedalieri, RG1 e RG2, che comprendono il primo gli ospedali Civile e Ompa di Ragusa mentre l’altro annovera Modica, Scicli, Comiso e Vittoria. Sarebbe stato certamente meglio dare voce ai territori, tuttavia questa nuova suddivisione appare leggermente migliore dell’ipotesi precedente. Per quanto riguarda invece i Distretti sanitari territoriali, in numero di 45 prima della riforma, passeranno adesso a 55/60. Si sono usati due pesi e due misure: in provincia di Ragusa mentre i Distretti ospedalieri sono tassativamente due, per quelli territoriali non è stato stabilito alcun numero. Unica nota positiva della riforma è la bocciatura della proposta, avanzata dalla maggioranza di centro destra, di istituire una nuova Azienda che dovrebbe fare capo all’ospedale di Caltagirone. E’ passato, inoltre, un emendamento del PD che esclude la remunerazione per i manager che non saranno riconfermati e nega la riconferma per i manager che hanno sforato i bilanci aziendali. “Si tratta di una riforma sanitaria scadente – afferma l’on. Ammatuna – che non ha affrontato il problema annoso delle liste d’attesa, che non risolve le difficoltà che vivono i reparti di emergenza/urgenza, che lascia immutata la problematica dell’inappropriatezza dei ricoveri, che non farà risparmiare nulla alla Sicilia. Si è raggiunto semplicemente un accordo di potere sulla spartizione delle poltrone, con costi superiori rispetto al passato”.  

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1531731979-3-despar.gif