Sanità Due obiettivi conseguiti

Riforma sanitaria, soddisfatto l'on. Ragusa

“Siamo stati impegnati fino all’alba di questa mattina all’Ars per approvare i singoli articoli della riforma sanitaria”. “Nello specifico per quanto riguarda il territorio ibleo è prevista una ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) e due distretti: Ragusa 1 e Ragusa 2. Il primo distretto comprenderà i due ospedali Arezzo e Civile, il secondo gli ospedali: Maggiore di Modica, Busacca di Scicli, Guzzardi di Vittoria e Regina Margherita di Comiso”.
Sono parole dell’on. Orazio Ragusa che ha aggiunto: “E’ un risultato di mediazione che comunque scongiura la chiusura di presidi ospedalieri e razionalizza i servizi sanitari”. “Non è proprio la soluzione ottimale però è la migliore sintesi possibile tra posizioni differenti”. La riforma riduce, tra l'altro, le aziende sanitarie e ospedaliere da ventinove a diciassette, mentre i distretti saranno guidati da due direttori: uno sanitario e uno amministrativo. E’ stabilito inoltre che le aziende sanitarie provinciali e quelle ospedaliere di nuova istituzione saranno operative dal primo settembre. Un importante risultato, inoltre, è stato raggiunto in relazione all’organizzazione del servizio del 118. Il sistema in vigore prevedeva che le richieste di soccorso arrivavano alla centrale operativa di Catania che a sua volta le smistava, per competenza, agli operatori della provincia di Ragusa. Questo meccanismo si è rivelato, in alcuni casi, lacunoso. Chi riceve la prima segnalazione, trovandosi in un’area geografica distante dalla nostra, può non conoscere bene il territorio e comunque deve inoltrare la segnalazione alla centrale più vicina, impiegando in questa attività altri minuti che potrebbero rivelarsi preziosi. A questo si aggiunge che la singolarità del territorio ibleo, caratterizzato dalla presenza abitativa nelle numerose borgate e contrade, necessita di un'attenzione particolare. Un servizio tempestivo e qualificato può fare, in alcuni casi, la differenza tra la vita e la morte. Con il nuovo sistema le richieste di intervento arriveranno direttamente ad operatori che risponderanno da Ragusa consentendo, in questo modo, di risparmiare minuti preziosi.
Il Presidente dell'Assemblea regionale Francesco Cascio ha aggiornato i lavori a questo pomeriggio alle ore 16,30 con all'ordine del giorno l'approvazione definitiva del nuovo sistema. 
“Spero” – ha dichiarato Orazio Ragusa – “che adesso possiamo dedicare il nostro tempo a occuparci anche degli altri problemi che in questo momento assillano il popolo siciliano, primo fra tutti la grave crisi economica”.
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg