Sanità Rischio commissariamento

Riforma sanitaria: Sicilia commissariata? Lombardo: Non ce lo meritiamo

"E' una ristrutturazione che senza fare male a nessuno vuole migliorare un sistema che puo' costare di meno e che certamente deve funzionare meglio. Prima c'erano mille disfunzioni, adesso abbiamo una riforma che viene giudicata tra le migliori, se non la migliore in assoluto, tra quelle di cui le Regioni italiane si sono dotate". In una intervista al TgWeb (www.regione.sicilia.it/tgweb), il presidente della Regione Raffaele Lombardo torna a parlare della riforma sanitaria approvata dal Parlamento siciliano. Sull'ipotesi commissariamento, Lombardo non ha dubbi: "Nessuna Regione ha fatto quello che abbiamo fatto noi. Adesso lo Stato abbia la compiacenza di rendersi conto che ha a che fare con un ente che ha pari dignita', come da Costituzione e da Statuto speciale. Molte agenzie o strutture dello Stato sarebbero da commissariare molto di piu' che non la nostra sanita' o altri rami della nostra amministrazione, che pure non funzionano bene e vanno aggiustati. Ma sono questioni che possiamo risolvere da soli". Lombardo ammette il ruolo costruttivo giocato dall'opposizione durante l'iter di approvazione della riforma: "Mi dispiace - sottolinea - che poi, piuttosto che assumersene un pezzo di merito, abbia perso questa opportunita' con il voto contrario. Da parte loro ci sono pero' stati interventi appassionati e competenti che hanno arricchito la legge".