Sanità Modica

L'on. Ammatuna sulla sostituzione del direttore di nefrologia al Maggiore

Modica - “La sostituzione del Direttore dell’Unità Operativa Complessa di nefrologia e dialisi del presidio ospedaliero di Modica, dovuta al collocamento a riposo del Dr. Costanzo, è un atto dovuto da parte dell’Assessorato Regionale alla Sanità. La direzione della struttura complessa di nefrologia e dialisi del “Maggiore” è, infatti, prevista nel programma di rimodulazione della rete ospedaliera è non è soggetto ad accorpamento.

 Il bando di concorso pubblico che l’Ausl n. 7 di Ragusa dovrà bandire, per la copertura del posto che si renderà vacante a breve, è perfettamente legittimo ed opportuno e non può essere considerato come uno di quegli sperperi clientelari che abbiamo sempre avversato. Proprio su questo argomento, in sede di approvazione della legge di riordino del sistema sanitario regionale, ho presentato insieme ad altri colleghi del Pd un emendamento che prevedeva l’esclusivo svolgimento della ordinaria amministrazione da parte dei direttori generali delle Ausl in attesa delle nuove nomine previste per il prossimo settembre.

Tutto ciò per impedire che, nel periodo di interregno, si potessero compiere scelte clientelari di nuove assunzioni, di istituzione di altre strutture semplici o complesse o ulteriori convenzioni. L’emendamento, che era stato concordato anche con la maggioranza all’Ars, è stato però bocciato in Aula. L’Assessore Russo ha però emanato una circolare, che condivido pienamente, che si muove nell’ottica del mio emendamento e che prevede per l’espletamento di concorsi una autorizzazione da parte dell’Assessorato Regionale alla Sanità.

Il caso della sostituzione del Direttore della Unità Operativa Complessa di Modica, un centro di eccellenza con un ampio bacino di utenza che tratta particolari patologie, non rientra certamente nel novero degli sprechi che abbiamo tentato di limitare prima con l’emendamento e poi con la circolare dell’Assessore alla Sanità. Mi impegno ad intervenire, nei prossimi giorni, presso l’Assessore alla Sanità per fare in modo che l’autorizzazione all’indizione del concorso venga data al più presto, per consentire la continuità gestionale dell’Unità Operativa Complessa di nefrologia e dialisi di Modica. Si tratta di una struttura ben diretta che annovera una equipe medica ed infermieristica di primordine e che deve continuare ad assicurare, insieme a quella di Ragusa, un servizio di qualità ai cittadini”.