Sanità Scicli

Ospedale Busacca, parla il Pd

Scicli - Quello che tutti pensavamo circa una eventuale “chiusura dell’Ospedale Busacca” oggi è realtà. A confermarlo è il nuovo manager dell’Asp di Ragusa Ettore Gilotta, il quale, limitandosi ad applicare gli indirizzi contenuti nel nuovo Piano di Rientro, ha rimarcato la volontà di “valorizzare” la struttura ospedaliera sciclitana creando un centro di Riabilitazione Polifunzionale, una piscina al servizio della riabilitazione e alberghi per assicurare una degna ospitalità ai parenti dei ricoverati.
Certo, ci eravamo abituati a tante belle promesse - l’ultima quella della Tac - ma anche a qualche non sporadico caso di mala sanità locale, di recente. Tutto secondo i piani, tutto secondo una logica di smantellamento lento e inesorabile dei reparti dell’ospedale Busacca e il tutto guidato da una maggioranza di governo e da rappresentanti regionali che hanno una chiara matrice politica.
Ormai la riforma è avviata e non si può tornare indietro ed è in questo contesto che l’ospedale di Scicli dovrà sfruttare le sue potenzialità e professionalità trasformandole in erogazione di servizi di qualità nell’interesse dei cittadini a cui non si riesce, ad oggi, a dare delle risposte chiare.
Riteniamo quindi che la protesta non va condotta davanti ai cancelli dell’ospedale per una mera operazione elettoralistica ma va spostata nelle sedi istituzionali pertinenti e nei tempi dovuti. È in quelle sedi che i nostri onorevoli, a prescindere dalle legittime appartenenze partitiche, dovevano far sentire la propria voce e con forza rimarcare le istanze che provenivano dai territori.
Siamo ormai certi che questo non sono riusciti a farlo quando era necessario alzare il tono della voce, quando l’assessorato regionale stava preparando il Piano di rientro, era lì che si doveva intervenire prontamente per sostenere una  proposta che coinvolgesse non solo l’ospedale di Scicli, ma tutta l’organizzazione della sanità Iblea. Non sono riusciti a mettere da parte gli interessi personali per far posto a quelli dei loro cittadini, gli stessi che adesso non permetteremo continuino ad essere presi in giro e a baluardo di una battaglia persa in partenza.
Adesso quelle stesse persone che hanno gravi responsabilità sul lento smembramento del nostro ospedale si limitano comodamente a puntare il dito contro chi sta eseguendo un ordine dall’alto, ordine che ha una colorazione e una matrice politica ben definita, centrodestra, ivi compreso quel partito, quale l’UDC, che oggi siede sui banchi dell’opposizione e che ieri ha contribuito alla stesura del Piano di Rientro oggetto della discordia.
Una persona che ha bisogno di cure deve essere accompagnata in struttura idonea per la rapida, efficace ed efficiente soluzione del problema specifico, e non rischiare di morire per strada - com’è successo a qualche nostro concittadino - alla ricerca di una struttura ospedaliera in grado di rispondere alla richiesta di aiuto o peggio di arrivare in un pronto soccorso che non ha gli strumenti adeguati per intervenire prontamente. È ingiusto chiudere un ospedale che ha curato migliaia di cittadini, ha salvato vite e che è stato il punto di riferimento per le altrettante migliaia di persone, non solo cittadini sciclitani, che hanno trovato una struttura accogliente ed efficace e che non si possono rivolgere alle cliniche private.
Il Partito Democratico, con senso di responsabilità, impegnerà tutte le proprie forze e le proprie rappresentanze istituzionali per impedire che l’ospedale Busacca diventi il fanalino di coda della sanità Iblea, per ridare dignità ad una delle più belle strutture sanitarie della provincia, puntando al futuro e non guardando al passato, ma consapevoli che gli artefici degli errori del passato non hanno alcun diritto di farsi baluardo della difesa dell’ospedale. Il Busacca dovrà quindi puntare ad offrire servizi territoriali secondo i principi della sanità moderna, stando al passo coi tempi e mirare a centri di eccellenza.
Invitiamo tutti i cittadini a partecipare al Consiglio comunale aperto sul tema dell’ospedale, lunedì 16 novembre alle 17 presso l’aula consiliare del Comune di Scicli.


Segreteria Pd Scicli
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif