Sanità Ragusa

Nefrologia, l'allarme del sindaco di Chiaramonte

Preoccupazione per il trasferimenhto a Modica del reparto di Negrologia con la struttura di dialisi di Ragusa senza supporto del reparto

Ragusa - Il nuovo riassetto della rete ospedaliera e dei servizi territoriali, deciso dalla Direzione generale dell’ A.S.P. in alcuni casi non ha tenuto conto nel modo appropriato delle necessità dei pazienti. Muovendo da questo stato di cose, il Sindaco, Giuseppe Nicastro, ha richiesto al Direttore generale, dott. Ettore Gilotta, di riportare a Ragusa la Divisione di Nefrologia e di assicurare alla struttura di dialisi l’ausilio indispensabile di detto reparto.

      Questo la nota inviata il data odierna: 

“ Il nuovo piano di riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale, il cui obiettivo ultimo è il miglioramento delle prestazioni sanitarie,  assicurando tempestività, qualità ed efficienza a tutela di ciascun cittadino, a parere dello scrivente presenta delle criticità che mettono a serio pericolo la salute del malato.

      Ci si riferisce, in modo particolare, al trasferimento della Divisione di Nefrologia da Ragusa a Modica, mentre nella città capoluogo rimangono solo alcuni posti di dialisi, privi del supporto necessario del reparto, in caso di emergenza.

      Da quanto riferito da alcuni pazienti, costretti a ciclici interventi di dialisi, in alcuni casi, proprio per il delicato intervento in atto, è stato necessario un immediato ricovero, a causa di complicazioni insorte.

      Ora, a seguito del trasferimento del reparto di Nefrologia a Modica una evenienza del genere espone il malato a seri rischi, a fronte di una non immediata e tempestiva risposta sanitaria, secondo lo standard finora garantito.

      Si segnala, altresì, il disagio per coloro i quali devono servirsi della struttura di nefrologia, data l’ubicazione a Modica. Infatti raggiungere quella città da tutto il comprensorio dell’ipparino, data la distanza,  è alquanto problematico, soprattutto in caso di emergenza.

      Per quanto sopra, lo scrivente chiede alla S.V. che la Divisione di Nefrologia non sia trasferita al nosocomio di Modica e comunque che tale reparto non sia scisso dal servizio di dialisi”.