Scuola Scicli

Conclusa la rassegna teatrale Rimbocchiamoci le maniche

Lo scopo raccogliere fondi per la Casa dello Studente dell’Aquila

Scicli - Quattro scuole partecipanti, la Don Milani, la E. Vittorini, il I° e il II°  Circolo didattico, il giorno era il 13 maggio, la cornice il Cine Teatro Italia, i protagonisti sono stati gli alunni delle scuole. Lo scopo raccogliere fondi per la Casa dello Studente dell’Aquila, progetto adottato dall’Avis Nazionale.

L’organizzazione, curata   dalla   Sezione Comunale dell’Avis di   Scicli, la serata condotta dal Preside Massari, Vice Presidente Provinciale Avis.

Lo spettacolo è stato all’altezza delle previsioni, bravi, bravissimi i ragazzi che si sono esibiti con musiche, poesie e canzoni; un plauso agli insegnanti e ai dirigenti scolastici che si sono impegnati ed hanno creduto in progetti che affiancano lo studio e accompagnano in maniera più compiuta i ragazzi nel loro percorso di crescita.

Tutto questo, contornato da un pubblico numeroso che ha apprezzato con numerosi applausi   le   esibizioni   dei   ragazzi, ha   centrato  i   tre obiettivi che l’Avis si era impegnata a raggiungere come ha detto nel suo intervento Salvatore Lutri, Presidente dell’Avis di Scicli:

offrire un palco per esibirsi ai ragazzi e ai loro insegnanti e per la gioia dei genitori, nonni e zii che hanno così potuto ammirare impegno e bravura dei loro ragazzi;
raccogliere fondi per la Casa dello Studente continuando il progetto partito lo scorso anno;
terzo ma non ultimo fare conoscere l’Avis che ha come mission il diffondersi dell’idea del dono del sangue e la sua conseguente raccolta nei propri centri, ma è impegnata anche in un concetto più largo della solidarietà estesa in tutte le sue declinazioni che ci fa essere presenti e partecipi ovunque ci sia bisogno del nostro impegno.
Il Presidente, nel rinviare tutti alla prossima terza edizione visto il grande successo, ha auspicato di rivedere tanti del pubblico presso la sede  per iscriversi all’Associazione   ed ha   ricordato che con l’approssimarsi dell’estate aumenta in maniera esponenziale la richiesta di sangue da parte dei presidii ospedalieri e si hanno maggiori difficoltà a reperire i donatori e quindi questo è il momento migliore per diventare donatori e per intraprendere un comune impegno di solidarietà.

Per concludere due notizie: la cifra raccolta non è testimone di grande solidarietà, ma sintomo della grave crisi economica che attraversa il nostro paese e quindi della difficoltà delle famiglie costrette a tagliare qualunque cifra non essenziale.

La somma  (€ 320,00) è già stata interamente versata all’Avis Nazionale per la Casa dello Studente, la seconda notizia  è che già all’indomani un gruppetto di persone si sono presentate in sede per iscriversi all’Avis; e di questo siamo felici e orgogliosi.
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg