Sanità Sicilia

Regione depressa con tanti depressi

Al secondo posto il Lazio

Palermo - E' la Sicilia la regione più depressa d'Italia, con il più alto numero di abitanti alle prese con il male oscuro. Un incubo che, nel nostro Paese, a sorpresa colpisce prevalentemente il Centro (10,3%) e il Sud (10,1%) rispetto al Nord (8,2%) della Penisola. Alla Sicilia (11,9%) regione più colpita, segue il Lazio (11,7%). E di mal di vivere si parlerà domani a Caltanissetta, al convegno 'Vuoto relazionale e depressione, la Gestalt nella cura dell'assenza".

"La psicologia moderna cambia ottica  -  dice in una nota Margherita Spagnuolo Lobb, organizzatrice del convegno, psicoterapeuta e ricercatrice  -  se prima si pensava alla depressione come un male della solitudine, che affligge chi non riesce a regolare il principio del piacere con il principio di realtà, oggi si attribuisce questo disturbo al vuoto relazionale. Non è dunque il piacere, la soddisfazione dei propri impulsi ciò che la persona cerca (e nel caso della depressione non trova), ma raggiungere l'altro, rendersi visibile e sentirsi visto dall'altro. Spesso il farmaco è un modo apparentemente semplicistico di bypassare l'elemento umano".

In Italia la maggiore percentuale di depressi è nella fascia d'età che va dai 50 e i 69 anni (12,1%), molte più donne (12,8%) che uomini (5,9%), che vivono sole (12,2%) e con una scarsa istruzione (il 16,9% di chi ha solo la licenza elementare è depresso, contro il 5,6% di chi è laureato).

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg