Sanità Modica

Lo sportello della salute contro disfunzioni e criticità della Sanità

Il coordinatore è Salvatore Rando

 Attivo dal 1° giugno presso le sedi del Sindacato pensionati delle Camere del Lavoro CGIL di Ragusa Modica, Scicli Vittoria e Comiso, lo Sportello Salute, una sorta di osservatorio che con l’aiuto dei cittadini individua le disfunzioni del servizio sanitario nel territorio, ha cominciato a raccogliere dei risultati che sono stati presentati dal coordinatore dello Sportello Salvo Rando, alla presenza del segretario generale del Sindacato Pensionati (SPI) della Camera del Lavoro provinciale di Ragusa Roberta Malavasi, nella sede della Lega dei pensionati CGIL di Modica.

Dopo aver passato in rassegna le criticità del sistema sanitario nel comprensorio di Modica, Scicli, Ispica e Pozzallo, Rando ha ricordato le finalità dello Sportello, ribadendo il ruolo propositivo che esso ha inteso assumere elaborando proposte nei confronti dell’Agenzia Sanitaria Provinciale (ASP) sulla base delle disfunzioni registrate e denunciate dai cittadini e dagli operatori della sanità.

Intanto il sindacato è già al lavoro in questa direzione, come ha ricordato Roberta Malavasi nel suo intervento, illustrando la richiesta di convocazione avanzata dallo SPI CGIL all’ASP di Ragusa in data 20 giugno 2011.

Liste di attesa, carenze del pronto soccorso, Servizio di neurologia degli ospedali Maggiore di Modica e Busacca di Scicli, Poliambulatorio del Centro di Procreazione medicalmente assistita, presidi territoriali (PTA) di Scicli e Comiso, Prevenzione e medicina nel territorio, sono i punti sui quali lo Spi chiede all’Asp un confronto.

Dopo la realizzazione di questo incontro, tra gli obiettivi a breve che i promotori dello “Sportello della salute” si sono proposti c’è quello di un confronto con l’Asp, possibilmente unitario, da realizzarsi a settembre per fare il punto a due anni di distanza dal varo della riforma sanitaria.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg